Le quattro regole del passaparola

2
3349

Scatenare il meccanismo del passaparola è una missione molto più complessa di quello che può sembrare a molti.

Potrebbero non bastare un buon prodotto e lo slogan del secolo per mettere le persone in condizioni di parlare bene di te e della tua azienda.

Questo perché il passaparola investe molti aspetti della tua attività.

Basta un commesso scorbutico, o un customer service non all’altezza del compito, per svilire in un attimo sia la bontà del tuo prodotto che la creatività della tua campagna pubblicitaria.

In questo articolo parleremo di quattro regole da seguire per attivare il meccanismo del passaparola tra i tuoi clienti.

Prima di lanciare qualsiasi campagna pubblicitaria assicurati di averle incamerate bene.

Rendi interessante il tuo prodotto o servizio

(Dai alle persone un motivo per parlare di te)

Nessuno spenderà mai una parola per un prodotto, un’azienda, o una campagna pubblicitaria, che risultino essere noiosi.

Prima di lanciare un prodotto o un evento, rispondi ad una semplice domanda:

“Perché qualcuno dovrebbe parlarne ad un suo amico?”

Ovviamente sei tu a dover dare agli altri un motivo per inserire la tua azienda all’interno delle loro conversazioni abituali.

Per fare un esempio vi rendo partecipi di una mia recentissima esperienza personale.

Ero in una delle piazze principali della mia città per caso.  La pavimentazione della piazza era completamente coperta da un gigantesco foglio di carta. All’interno del quale erano disposti secchi di vernice con tanto di pennelli.  Una cinquantina di bambini sorridenti si divertivano ad usare la pittura per dipingere strane figure o solo per riprodurre le loro mani.  Informandomi, scopro che l’idea era in realtà un evento promozionale di Lottomatica.

Torno a casa entusiasta e parlo dell’iniziativa alla mia famiglia. E oggi a lavoro racconto l’evento ai miei colleghi.

Insomma, l’evento dell’azienda ha colpito nel segno. Ha scatenato entusiasmo e divertimento. E soprattutto ha dato qualcosa alle persone di cui parlare.

Rendi il tuo messaggio semplice e cerca le persone che parlino di te

Non dimenticare che il passaparola è un meccanismo pigro in fase di attivazione.  Il tuo lavoro allora sarà di supportarlo, rendendo sempre più semplice alle persone parlare di te.  Senza il tuo aiuto il passaparola non andrà lontano.

Cerca un messaggio che sia facile da ripetere. Dopodiché fatti questa domanda:

“Si può trasmettere in una sola frase. O in poco più di una frase?”

Subito dopo pensa ai modi più “friendly” di cui sei a disposizione per farlo passare: post su blog, social network, mail, t-shirt ecc.

Assicurati che il tuo sito, blog aziendale, contengano i tasti per condividere le info sui maggiori social.

Infine, cerca tra il tuo pubblico, le persone che hanno maggior interesse a far passare il tuo messaggio. Siano essi mamme, blogger, dottori o avvocati.  Una volta scelti, accertati che vengano sempre aggiornati su novità e curiosità sulla tua azienda.

Rendi felici i tuoi consumatori

Credici: chiunque parlerà di te se sarai in grado di farlo sentire speciale e importante..

I consumatori felici sono i tuoi più grandi mezzi pubblicitari. Dovrai essere bravo a coccolarli, entusiasmarli, iniziando dalle regole basilari dell’educazione.  Trattali bene sia quando visitano il tuo negozio, che quando ti chiamano per un’informazione. Vai oltre. Sorprendili con offerte e sconti speciali.  Alla fine sarai ripagato di ogni tuo sforzo.

Ricorda, inoltre, che le persone si sentono particolarmente bene quando possono aiutare gli altri a risolvere i loro problemi o a soddisfare i loro bisogni.

E ricorda, infine, che staranno bene se proveranno la sensazione di essere parte integrante di una famiglia. Pensa a proposito alla sensazione che spinge i consumatori delle Harley a sentirsi parte di un gruppo speciale. O allo stesso meccanismo emotivo che si instaura per i clienti della Apple.

Guadagna stima e rispetto

Le persone non parleranno di te se non hanno fiducia e non ti rispettano.

Qui la domanda è tra quelle da un milione di dollari: cosa fare per acquisire la fiducia dei clienti?

Puoi iniziare, ammettendo i tuoi errori e scusandoti quando vengono commessi. Cerca, insomma, di essere quanto più trasparente puoi con i tuoi consumatori.

Non dare mai per scontato il loro rispetto. La fiducia è un meccanismo che si ottiene con difficoltà ma che una volta ottenuto può durare per sempre.

Un esempio eclatante di ciò che diciamo è accaduto alla compagnia aerea Southwest. L’azienda è conosciuta per riservare un trattamento speciale ai suoi viaggiatori (comfort e cortesia del personale di bordo). E per le condizioni di lavoro molto buone che garantisce da anni ai suoi impiegati

Non è un caso che dopo il crollo delle Torri Gemelle alcuni consumatori si trasformassero in benefattori mandando soldi alla Southwest per evitarne il tracollo finanziario.

Fai i compiti a casa

Ciò detto sei pronto a fare i compiti a casa. Per iniziare una buona campagna di passaparola devi iniziare dando una risposta alle seguenti domande:

[styled_list style=”check_list” variation=”orange”]

  • Chiediti perché qualcuno dovrebbe parlare di te e dei tuoi prodotti o servizi (trova almeno tre motivi e inizia a lavorare su quelli)
  • Crea un messaggio che sia facile da diffondere
  • Cerca sul web i post in cui si parla di te e prendi parte alla conversazione

 

[/styled_list]

 

Pensi che le quattro regole per innescare il passaparola siano sufficienti? Hai altri suggerimenti da darci?

Se sì, posta qui un tuo commento.

 

Giancarlo Donadio

 

(Fonte immagine: utente Flickr francisco_osorio)

Print Friendly, PDF & Email

2 Commenti

  1. Passaparola: quattro regole| Millionaire web…

    Scatenare il meccanismo del passaparola è una missione molto più complessa di quello che può sembrare a molti. Potrebbero non bastare un buon prodotto e lo slogan del secolo per mettere le persone in condizioni di parlare bene di te e della tua azienda…

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.