L’evangelista della pasta te la porta a casa

7225
savelli pasta evangelists

«Londra è uno dei posti migliori al mondo per iniziare un business nel food. C’è un bacino enorme di persone di talento a cui attingere per creare un team. Ci sono capitali per le startup. E incentivi fiscali per gli investitori, come per esempio all’Entrepreneurship Investment Scheme, che concede sgravi fiscali fino al 50% dell’investimento». Alessandro Savelli, 38 anni, padre italiano e madre inglese, dopo un’esperienza lavorativa nella finanza, due anni fa ha deciso di buttarsi nel food, creando Pasta Evangelists, un e-commerce di pasta fresca, che consegna a casa confezioni di ravioli e tagliatelle e le salse per condirle. «Non è stato difficile scegliere il segmento nel quale operare. A Londra e in tutto il Regno Unito non si riesce a trovare la pasta fresca artigianale. C’è quella industriale, distribuita nei supermercati. Ma non è certo uguale a quella che faceva mia nonna».

Alessandro, che ha raccolto 2,5 milioni di euro in tre diversi funding round, ogni settimana propone 8 piatti diversi (prezzo medio di una porzione: 8 sterline), che vengono preparati nel laboratorio in East London e consegnati in tutto il Regno Unito, in un packaging particolare che preserva la freschezza, adatto anche a essere infilato nella fessura delle porte tipiche delle case inglesi.

«Questo è il paese giusto dove avviare un e-commerce, la percentuale di persone che compra prodotti online è la più alta d’Europa. Siamo partiti con 40 porzioni di pasta due anni fa, oggi ne consegniamo 4.700. Il 70% fuori Londra».

Il Regno Unito rimane un posto ideale per il business? «Non è un momento di boom, ma rimane un mercato molto grande (56 milioni di persone), molto dinamico, c’è spazio per idee nuove e ha una struttura imprenditoriale interessante. Negli ultimi anni sono nate imprese nel campo non solo del food, ma anche del beverage che hanno avuto grande successo. Qualche nome? Brewdog, Fever-Tree e Gusto.

Info: https://pastaevangelists.com

Tratto dall’articolo “La Brexit? Me la mangio” pubblicato su Millionaire di marzo 2019. Per acquistare l’arretrato scrivi a abbonamenti@ieoinf.it

Print Friendly, PDF & Email
Articolo precedenteDiventa come il lupo di Wall Street
Prossimo articolo«Vuoi innovare? Non innamorarti della prima idea»

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.