Neomamma abbandona l’ufficio e diventa startupper: i suoi consigli

2
2645

Dopo la nascita di suo figlio, Serena Errico, 39enne pugliese, abbandona l’ufficio (manager per Mediaset Premium nell’ambito commerciale, ndr) e diventa una startupper con BabyGuest, piattaforma che aiuta le famiglie che viaggiano con bambini e gli alberghi ad accoglierle: «Ho lasciato il lavoro per dedicare più tempo a mio figlio. Mio marito era spesso fuori per lavoro a New York e lo raggiungevo con il bambino appena potevo. Ma gli spostamenti, tra culla, passeggino e attrezzature varie, erano un problema. Allora sono andata su un forum di mamme americane per capire se c’era qualche famiglia disposta a noleggiare sul posto il necessario. Ma l’esperienza non è stata soddisfacente per le condizioni poco igieniche in cui trovavo gli oggetti presi in prestito. Allora è scattata la lampadina: “Perché non concentrarmi su una piattaforma professionale di questo tipo?”» racconta Serena a Millionaire.

Allora torna in Italia, inizia a informarsi. Con l’aiuto del marito trova gli sviluppatori necessari al progetto. Investe i suoi risparmi per acquistare l’attrezzatura necessaria. Contatta alberghi e operatori del turismo per ricevere feedback sulla sua idea e trovare partnership: «All’inizio è stata dura. Fare capire l’innovazione del servizio che nasce, in fondo, da un’idea estremamente semplice. Poi c’è la burocrazia che sembra non finire mai e le enormi difficoltà nel reperire fondi di cui siamo alla ricerca per potenziare la comunicazione del progetto».

Come funziona? «Lavoriamo su due fronti: sia lato clienti che per gli albergatori. I primi si iscrivono alla piattaforma e spiegano quello di cui hanno bisogno (passeggini, culla, seggiolini auto, materassi pieghevoli…). Inseriscono la destinazione, pagano online e i prodotti vengono recapitati dove e quando vogliono, in Italia e in Europa. Possono noleggiare, ma anche acquistare (creme, pannolini…). Invece gli alberghi possono contattarci e dotarsi di attrezzature per rendere più facile la vita alle famiglie che ospitano».

neommamma 2

Online da poche settimane, la piattaforma ha già attirato l’interesse dei media: è partito un passaparola che ha portato Serena a essere comunicata su alcune importanti riviste (come Panorama): «Puntiamo su Expo e Giubileo. Saranno il nostro banco di prova. Due eventi nei quali è previsto un flusso turistico di 24 milioni di visitatori da tutto il mondo, il 43% dei quali verrà con famiglia a seguito».

Business, ma anche attenzione al sociale. Le attrezzature sono utilizzate per un massimo di sei mesi, dopodiché vengono sostituite. Quelle non più usate vengono offerte in beneficenza, all’organizzazione di volontariato CasAmica Onlus.

Quali lezioni possiamo trarre dalla sua storia?

1. Cerchi un’idea? Parti da un tuo bisogno personale e confrontati con persone che avvertono la stessa necessità.

2. Contatta tutti i soggetti che possono essere interessati alla tua idea, spiegala, stringi partnership.

3. Lancia nel momento giusto. Expo e Giubileo, due occasioni prossime che Serena userà per testare il valore della sua idea sul mercato.

4. Il business del noleggio, un’occasione per tanti. Ma occhio alla qualità. Oggi la sharing economy ha aperto molte possibilità. Molti consumatori preferiscono l’acquisto all’usato. Usato sì, ma di qualità.

5. Attenzione al sociale. È più facile comunicare un brand quando il suo business punta ad aiutare chi è in difficoltà.

INFO: http://babyguest.com/

Giancarlo Donadio

 

Print Friendly, PDF & Email

2 Commenti

    • Salve Ilenia, mi permetto di consigliarle di rivedere il suo sito internet, come immagine ed estetica. Un’idea innovativa se non presentata come si deve può perdere efficacia…Saluti

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.