Report manager USA: il 40 percento spera di sostituire alcuni lavoratori con l’IA

Di
Redazione Millionaire.it
5 Aprile 2024

“Alexa, pensi che il mio capo possa sostituirmi con un’IA?”

“Sì. Anzi, per favore prepara le tue cose ora. E buona giornata.”

 

Sta diventando sempre più evidente come i dipendenti americani (e non solo), in particolare  quelli della Generazione Z siano diffidenti nell’usare l’IA sul posto di lavoro. Dalla Casa Bianca al Fondo Monetario Internazionale, tutti sono preoccupati che l’IA rappresenti una minaccia per i lavoratori, specialmente quelli con “bassi requisiti di rendimento”. E questa preoccupazione veleggia già anche nel Vecchio Continente.

 

Alcuni sentori che non sia fantascienza 

Le prove si stanno accumulando. L’IA sta giocando un ruolo nella corrente ondata di licenziamenti nell’industria tecnologica. E se alcuni ricercatori hanno recentemente suggerito che l’IA impiegherà più tempo di quanto molti pensino per avere un impatto profondo sul luogo di lavoro, non è qualcosa in cui credano i 3.000 manager statunitensi intervistati dall’azienda di Beautiful.ai. Parecchi di loro sembrano effettivamente felici di distribuire lettere di licenziamento e sostituire fastidiosi lavoratori umani con l’IA. E non tra qualche anno, da subito.

 

Beautiful.ai

Beautiful.ai, che si definisce “il miglior software di presentazione basato su IA per team”, voleva ottenere una “migliore comprensione di come l’IA stia cambiando il modo in cui lavoriamo”, secondo il blog dell’azienda. Ha intervistato 3.000 persone in “posizioni di gestione” per “capire come stanno implementando la nuova tecnologia nella loro attività”. Con la tecnologia IA che permea molti aspetti della vita quotidiana in questo momento, dalle app dei social media al software aziendale come Zoom e i prodotti commerciali di Microsoft, i risultati erano destinati ad essere interessanti. Ma questi risultati dell’indagine sono sorprendenti e per alcuni preoccupanti.

 

I dati del report

La statistica principale è molto chiara e sottolinea quanto sia comune l’uso dell’IA sul luogo di lavoro: il 66% dei manager che hanno risposto all’indagine di Beautiful ha detto di utilizzare l’IA sul lavoro per aumentare la produttività dei lavoratori. In modo più preoccupante, il 12% ha detto che il loro utilizzo dell’IA è stato fatto con l’obiettivo di ridimensionare e tagliare i costi del lavoro. Infatti, il 41% ha detto di pensare di poter sostituire il personale con “strumenti AI più economici” quest’anno, e il 48% era chiaro sul fatto che l’azienda potrebbe risparmiare molti soldi sostituendo un “grande numero” di dipendenti quest’anno. Quattro manager su dieci hanno detto di pensare che le loro squadre potrebbero perdere più membri, sostituirli con l’IA e continuare a operare allo stesso modo.

 

Cattive notizie, ma non per tutti

Inquietanti come sono questi risultati per le autorità preoccupate per il tasso di disoccupazione, sono buone notizie per le startup di IA come Ema, che sta costruendo ciò che spera sarà un “impiegato universale di IA”. Il cambiamento di atteggiamento potrebbe anche essere un’iniezione di fiducia per le aziende di robot umanoidi come Figure AI, che stanno impegnandosi nel dotare i loro macchinari di plastica e metallo con tecnologia IA per prepararli al mondo del lavoro.

 

Ma spesso sono proprio i manager ad essere tagliati!

Mentre i lavoratori apprendono questa notizia, vale la pena considerare chi è stato intervistato da Beautiful: i manager. La gestione è centrale per gli aspetti della gestione di un’azienda, ma è spesso la prima a essere tagliata quando un’azienda ha bisogno di ridimensionarsi. Nel rapporto annuale 2017 di Survey.com su “Perdere Tempo al Lavoro”, è stato addirittura trovato che se si sostituiscono completamente i manager, si “rimuove il 75 percento delle ragioni per cui qualcuno lascerà la tua azienda”. E sebbene una struttura aziendale piatta e con pochi manager sia ancora controversa, è favorita da molte aziende, incluso Tesla.

 

E se avessero intervistato i dipendenti?

Eventuali dipendenti preoccupati che il loro capo stia pensando di sostituirli con una scatola con luci lampeggianti potrebbero trovare un po’ di conforto da una parte dell’indagine di Beautiful: il 64% dei manager sentiva che l’IA fosse almeno altrettanto capace del personale esperto, e forse anche migliore. Se Beautiful avesse intervistato 3.000 lavoratori impiegati da quei 3.000 manager, quanti di loro avrebbero detto di sperare che l’azienda sostituisse il loro capo con un sistema IA al suo posto?

 

Le opinioni dei manager USA riflettono un cambiamento significativo nell’atteggiamento nei confronti dell’IA sul posto di lavoro, con una maggioranza che vede l’IA come una valida alternativa ai manager umani. Ciò solleva importanti questioni etiche e sociali che richiedono una riflessione più approfondita da parte delle parti interessate.

Per il momento almeno Alexa non ha mandato il suo cv per ricoprire il lavoro da manager della tua azienda.

logo-footer
Il mensile di business più letto.

Direttore responsabile: Federico Rivi

Editore: Millionaire.it Srl Indirizzo: Largo della Crocetta, 2 20122 Milano (MI) Italy

Partita IVA: 12498200968 – Numero iscrizione ROC: 38684

© 2024 millionaire.it.