Riccardo, 24 anni, da agente di commercio a un’azienda di successo

1
4065

Inizia  come agente di commercio. Poi fonda un’azienda di abbigliamento che raddoppia ogni anno il suo fatturato e ha più di 500 rivenditori in tutta Italia.

Riccardo Forcione ha 24 anni ed è di Bologna. La sua idea si chiama Stilosophy, un brand che produce t-shirt, felpe, giacche destrutturate  grazie a un team formato da 4 ventenni: «Sono partito con 500 euro, un designer che mi aiutava con le grafiche e un piccolo spazio per vendere i miei prodotti. È stata dura affermarsi. Il mercato lascia poco spazio ad aziende innovative.Ciononostante, ho creato un’azienda che ha una sua precisa identità: vendere prodotti made in Italy in negozi di livello medio alto, ad un prezzo accessibile» racconta Riccardo, tra i protagonisti di Made in Bo, ciclo di incontri con le imprese innovative del territorio bolognese promosso da CNA Giovani Imprenditori Bologna.

riccardo

Diplomato al liceo scientifico, inizia a lavorare fin da subito con un sogno nel cassetto: fare impresa: «Non è vero che solo chi ha la laurea può riuscire. Non mi sono iscritto all’università perché avevo dentro il “demone” dell’impresa, l’attitudine al rischio… Ho iniziato dal gradino più basso e questo mi ha permesso di conoscere il settore tessile e capire come potevo propormi».

I segreti del suo successo? Un’organizzazione snella che produce velocemente sulla base dei trend del mercato: «Ho preso accordi con scuole di design e offro tirocini a giovani. Ogni settimana tiriamo fuori nuove idee e prodotti. Abbiamo un network di fornitori che ci permette di uscire con il prodotto giusto al momento giusto. Prossimamente creeremo uno store online e proveremo a esportare l’idea in Asia ed Europa».

300 mila euro di fatturato nei primi anni di attività, oggi ha raggiunto il milione: «La difficoltà maggiore per chi si affaccia al mondo de tessile è creare una buona rete vendita. Poi c’è da dire che il mondo del tessile è spesso chiuso alle novità. I negozianti preferiscono rivolgersi a persone che già conoscono e questo lascia poco spazio a imprese giovani. L’ideale sarebbe creare un brand, posizionarlo nel modo giusto, e rivolgersi direttamente al cliente finale, con sempre meno intermediari».

stilosophy

Cosa insegna la tua storia?

«Nella vita nessuno ti regala niente, bisogna rimboccarsi le maniche. Fare impresa ha un costo molto alto di sacrifici e tempo da dedicare. Ma impresa è anche una linfa vitale, che ti porta a migliorare continuamente. Oggi sto imparando l’inglese, non lo conoscevo ed è un mio grosso limite. Insomma, mai fermarsi, imparare sempre cose nuove. E crederci».

INFO: http://www.stilosophyindustry.it/

Giancarlo Donadio

Print Friendly, PDF & Email

1 COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.