fbpx

Rivoluzioni e stranezze nel mondo dei distributori automatici

Pausa caffè.

Ti avvicini al distributore automatico attaccato ad una delle pareti del tuo ufficio. Di fronte a te uno spettacolo di tentazioni: snack di ogni dimensioni e gusto: barrette di cioccolato bianco e al latte, merendine alla crema e alla frutta, patatine, noccioline, taralli.

Provi a pigiare sul tasto del caffè espresso che avevi programmato di prendere ma le tue dita acquistano una loro autonomia. E non riesci a controllarle mentre pigiano il codice di uno dei tanti snack ipercalorici in vetrina.

C’è da scommettere che scene simili accadano in ogni ufficio, università o posto pubblico in cui ormai sono sempre più diffusi i distributori automatici.

Quello del vending (nome che sta per distributore automatico di bevande e alimenti) rappresenta, infatti, un business che si difende molto bene nella crisi che investe il settore della ristorazione.

I numeri del vending: 2.750 milioni di euro nel 2013

Il business del vending (distributori automatici) è in espansione. Lo dimostrano i dati del fatturato pubblicati da “Il Sole24ore:

[styled_list style=”check_list” variation=”blue”]

  •  2,580 milioni di euro nel 2010;
  • 2,637 milioni di euro nel 2011;
  • 2,650 nell’anno in corso.
[/styled_list]

Con una stima di crescita nel prossimo anno per la quale il ricavato dell’attività raggiungerà quota 2,750 milioni di euro.

I dati dell’obesità in Italia

Anche se non esiste un dato che leghi in modo inequivocabile la diffusione dei distributori di cibi e bevande alla crescita dell’obesità in Italia, c’è da scommettere che i due fenomeni abbiano più di un punto di contatto.

All’aumento del fatturato del vending, corrisponde la crescita del fenomeno dell’obesità nel nostro paese. Secondo la Fondazione Italiana per la Lotta all’Obesità Infantile circa il 30% dei bambini italiani è in sovrappeso. Mentre secondo ADI (Associazione Dietetica Italiana) nel 2025 soffriranno di obesità circa 20 milioni di italiani.

Business e responsabilità sociale: l’idea di Fresh Vending

Gli imprenditori avveduti e coraggiosi sanno che esistono modi per coniugare i vantaggi di un business in espansione alle esigenze della collettività. La rivoluzione salutare nel mondo del vending è rappresentata da Jim Reed, un imprenditore dell’ Alabama, che ha pensato bene di legare i distributori automatici alla cura della salute e alla salvaguardia dell’ambiente.

Dalla sua idea è nata, la Fresh Healthy Vending, un’azienda che vende distributori automatici di cibo naturale: come latte di soia, yogurt, frappé, barrette di cereali e acque naturali.

“Ero stufo di vedere cibo di scarsa qualità e pieno di calorie offerto nelle scuole e negli uffici. La mia idea è nata per dare ai bambini la possibilità di mangiare in modo naturale, garantendo, al contempo, la convenienza e la comodità di un distributore automatico.” Ha dichiarato Reed ai giornali.

Lanciata la prima volta a Birmingham in Alabama, l’azienda ha ora distributori sparsi in circa 1.700 località americane, in uffici, campus, centri commerciali, ospedali ecc. Con 170 franchise all’attivo.

Dalla Cina con furore: i pazzi distributori che vengono dall’Est

Quella di Reed non è l’unica idea originale ad aver trasformato il mondo del vending. Progetti bizzarri e stravaganti corrono sulla rete. Si va dal distributore automatico di esche per la pesca (vermi), a quello di crostacei. Da quello delle cravatte, degli ombrelli, a quello degli slip usati, pensati per soddisfare le esigenze di un pubblico di feticisti.

Vediamo insieme alcune delle idee più strambe che vengono dall’Oriente:

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Hai qualche idea altrettanta bizzarra legata al business dei distributori automatici?

Condividila con noi!

Giancarlo Donadio

Youtube: un lavoro a tempo pieno

Come diventare ricco facendo lo YouTuber. Tutto dipende dallo stipendio medio del Paese dove vivi   Quanti giovani pensano di poter diventare ricchi facendo video

Inflazione alle stelle

In media nel 2022 i prezzi al consumo registrano una crescita pari a +8,1%   Se quindi da una parte sembra essere iniziata la curva

Nuovo anno, nuove regole sul lavoro

Dallo smart working alla flat tax, ecco cosa ci porta il 2023   Dal 1° gennaio 2023 sono cambiate le regole per lo smart working.

Italia: la miglior cucina del mondo

La piattaforma TasteAtlas proclama vincitrice L’Italia, votata come la miglior cucina del mondo tra 50 paesi partecipanti   TasteAtlas è una sorta di guida online,

Netflix si dà allo sport

30 ore di sessione da fare comodamente da casa grazie all’aiuto di Nike Training Club   Gennaio è il mese dei buoni propositi: Nella lista

sneakers

Sneakers: il nuovo oro delle calzature

Un fenomeno cresciuto negli anni che ha dato vita a speculazioni con margini e prezzi alle stelle   Quelle che fino a un paio di

Tasse sugli Airbnb

L’Italia può richiedere la ritenuta d’acconto   Dal 1º gennaio 2023 arrivano delle novità per quanto riguarda la tassazione di affitti brevi sulle piattaforme online.

Gli occhiali che fanno sentire

XRAI Glass presenterà al CES di Las Vegas gli occhiali smart a realtà aumentata   XRAI Glass ha lanciato un paio di occhiali intelligenti per

logo-footer
Il mensile di business più letto.

Direttore responsabile: Lionello Cadorin

Editore: Millionaire.it Srl Indirizzo: Largo della Crocetta, 2 20122 Milano (MI) Italy

Partita IVA: 12498200968 – Numero iscrizione ROC: 38684

© 2023 millionaire.it.