Teatro fatto in casa

0
1309

Amanti del teatro che offrono le loro case per organizzare spettacoli a domicilio. L’obiettivo: aggirare la crisi e dare lavoro alle compagnie.

Siamo partiti a ottobre da dieci appartamenti che hanno aderito all’iniziativa. Gli attori fanno delle vere e proprie tournée, esibendosi davanti a un pubblico pagante» spiega Milena Cozzolino, ufficio stampa di Teatrocercacasa. 

L’idea è di Manlio Santanelli, stimato drammaturgo italiano. Livia Coletta, sua moglie si occupa della parte organizzativa.

Hanno iniziato dal salotto di casa. Oggi del circuito fanno parte 18 appartamenti e 22 le compagnie di professionisti.

Semplice il funzionamento del progetto. Ogni spettatore paga una quota di ingresso che viene devoluta alle compagnie. Agli spettacoli sono presenti dalle 20 alle 40 persone, in base alla capienza dell’appartamento. Le esibizioni, che durano meno di un’ora, sono incentrate soprattutto sulla parola a causa della difficoltà di montare scenografie.

La promozione degli eventi è affidata principalmente al passaparola e ai social network. Per la burocrazia bisogna creare un’associazione. Sotto i 50 spettatori non si è tenuti a pagare la Siae.
Per ora nessuno dei proprietari ha chiesto di essere pagato per ospitare.

 Siamo stupiti dal successo dell’iniziativa. Ci hanno chiamato da Milano e Firenze per richiedere il nostro format. Non lo facciamo per soldi. Ma per dare un’opportunità di visibilità e guadagno agli attori» spiega Livia Coletta.

INFO: http://ilteatrocercacasa.it/site/

(Foto di Cesare Abbate)

Giancarlo Donadio

Print Friendly, PDF & Email

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.