Tour in Vespa per le strade di Napoli: l’idea di Dario e Ambra

5756

Mettono a nuovo Vespe d’epoca, dagli anni 50 e 60, e organizzano tour per le strade di Napoli e della costiera sorrentina.

Dario Buonfantino, 34enne napoletano, laureato in economia e commercio, e sua moglie, Ambra Serù, 32enne ex consulente finanziaria, sono gli ideatori di NapolinVespa Tour «L’idea è nata per caso. Avevo un appuntamento con mia moglie e aspettavo in Vespa che lei arrivasse. Era in ritardo, e ho deciso di fare un giro. Ho visto un bus con dei turisti che scendevano stanchissimi e stressati perché imbottigliati per ore nel traffico della città. Allora ho associato Vespa a turismo. Ho parlato dell’idea a mia moglie. Le è piaciuta e abbiamo avviato l’attività» spiega Dario a Millionaire.

vespa tour napoli 3

Insieme, investono 30mila euro per comprare cinque Vespe d’epoca sul Web e strutturano gli itinerari (dal centro storico fino alla zona del mare, e dei tour fuori dalla città in costiera) e lanciano il business: «Abbiamo speso i nostri risparmi. Abbiamo pensato che anche se le cose non fossero andate come previsto, avremmo potuto rivendere le vespe e rientrare nell’investimento. Per farci conoscere, abbiamo investito sul Web, un buon sito tradotto in diverse lingue, e l’iscrizione a portali che promuovono tour, come Expedia e Viator. Ma la differenza l’ha fatta Trip Advisor, l’80% dei nostri clienti proviene da lì che ci ha inserito nella sezione delle “Success Stories”».

dario buonfantino
Dario Buonfantino e Ambra Serù

Dal 2012 a oggi, il fatturato dell’attività è triplicato e Dario e Ambra pensano di sviluppare l’attività con itinerari enogastronomici: «I turisti sono americani, inglesi, australiani, francesi, ma anche italiani. Ci scrivono via email e prenotano i tour che costano da 120 a 250 euro. Li accompagnano dei driver, guide turistiche abilitate, che raccontano il territorio in modo divertente. Ne abbiamo una quindicina che lavorano con noi. Il periodo migliore è da maggio a settembre. Mesi morti da novembre fino a febbraio, ma a partire da marzo fioccano già le richieste. Oggi siamo arrivati a fatturare sui 90mila euro».

Immagine

L’ostacoli maggiore? La burocrazia e le buche stradali: «È un’attività che non è ancora regolamentata. Per partire bisogna chiedere al comune una licenza di noleggio: si fa in via telematica. In questi giorni siamo in contatto con l’assessore del turismo per creare una normativa ad hoc per business simili. Poi ci sono le buche stradali: le gomme si usurano facilmente e dobbiamo cambiarle. Se ci fosse un indennizzo… ma per ora va bene così».

Oltre ai tour, Dario e Ambra si sono lanciati anche in un’attività parallela: «Molti chiedono di sposarsi in vespa e noi prestiamo i nostri mezzi. Finora è un business limitato, ma abbiamo già richieste e prenotazioni».

Consigli per chi vuole imitare il vostro business?

«Innanzitutto, scegliere un buon mix tra Vespe d’epoca (anni 50-60) e moderne (anni 80). La scelta dei mezzi è fondamentale perché molti turisti sono veri e propri appassionati e sono informatissimi sui modelli. Poi munirsi anche di una Fiat 500: è un’icona dell’Italia, come la Vespa, e molti la richiedono. Affidarsi a guide turistiche giovani che raccontino la città senza annoiare, come se accompagnassero un amico a fare un giro. Investire sul Web, sul sito e social con foto, ma soprattutto video dei vari itinerari (funzionano molto ed emozionano i clienti). Infine, rispondere alle richieste in tempo. Noi non facciamo passare più di due ore per replicare a ogni email che ci arriva: è importante perché colma la distanza. Per questo, consigliamo di studiare alcune email standard, cercando di trasmettere entusiasmo».

INFO:  http://www.napolinvespa.it/

Giancarlo Donadio

Print Friendly, PDF & Email
Articolo precedenteDaniele e la sua storia di sport, passione e sogni
Prossimo articoloVuoi vincere in ogni campo? Perdi (ma con intelligenza)

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.