Una startup? Meglio le mani in pasta

1
6085

Due amici, ex startupper, lanciano a Milano il format “Miscusi”. L’idea? Offrire pasta fatta in casa con farine di qualità.

Un passato da startupper, un futuro da ristoratori. Alberto Cartasegna e Filippo Mottolese, 27 anni, il primo bocconiano, il secondo laureato in Bocconi, sono degli innovatori. Alberto ha cofondato Helpling, Filippo ha partecipato al lancio di Xceed e avviato un locale a Milano.

Grazie a queste esperienze hanno trovato finanziatori (due business angel in Italia e un incubatore di aziende web in Germania, Rocket Internet, quello di Zalando) per un nuovo format di idea di fast food all’italiana, replicabile in una catena con ambizioni internazionali.

L’insegna è Miscusi, il primo punto è stato aperto a Milano, in via Pompeo Litta: l’idea è offrire pasta con una scelta di condimenti all’italiana. Non pasta qualsiasi, ma fatta nel locale, con farina di qualità, da grano macinato in un mulino, nel ristorante. E sughi preparati con materie prime eccellenti.

Un primo costa fra 6,80 e 12,80 euro (le paste ripiene), il calice 3 euro. E non è vino qualsiasi: lo seleziona Vino à porter, altra startup milanese che trova la bottiglia giusta per te o per il tuo piatto, grazie a un algoritmo. Cucina, mulino e pastificio sono a vista.

INFO: www.miscusi.com

 

Tratto da Millionaire di aprile 2017.

Print Friendly, PDF & Email

1 COMMENTO

  1. Bravissimi!!!!

    Saluti.

    Fabrice

    PS un buon piatto di pasta e un buon bicchiere di vino non andranno mai fuori moda, tutt’altro!!

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.