Web marketing: 3 cose da fare (e 3 da non fare)

8
2667

Internet è diventata, per gli italiani, la piattaforma privilegiata dove raccogliere informazioni riguardo i propri acquisti.

Ieri pomeriggio, a Milano, sono stati presentati i risultati di un’interessante ricerca sviluppata da Nielsen, Connexia e dalla School of Management del Politecnico del capoluogo lombardo.

Sulla base di un questionario elettronico compilato da 7.500 individui, il 53% della popolazione italiana è risultata multicanale (fruisce, cioè, della rete su canali diversi: pc, smartphone, tablet, etc.). L’84% di essi raccoglie, principalmente, informazioni su prodotti e servizi in rete, mentre il 78% utilizza internet per confrontare i prezzi.

Le fonti che considerano maggiormente attendibili sono i blog, i forum e i social network (per il 54%) e in seguito i siti web aziendali (40%).

In questo contesto, riuscire a comprendere come comunicare online, come fornire ai naviganti informazioni e contenuti rilevanti, è diventato indispensabile per qualunque impresa, grande o piccola. E lo sarà sempre di più, se consideriamo i trend del marketing per il 2013.

Vediamo, quindi, qualche consiglio utile sul web marketing, fornito da un esperto del tema.

3 cose da fare e 3 da non fare

Hai una piccola attività, non hai molto tempo da dedicare alla pubblicità della rete e, infine, non hai la possibilità di assumere un esperto che curi la tua comunicazione aziendale online. Quale strategia utilizzi?

È davvero abbastanza creare un contenuto frettoloso su un blog, mandarlo a tutte le liste di contatti possibile e immaginabili, aspettando che le vendite esplodano?

Questa strategia potrebbe avere un certo successo per le grandi aziende che hanno una lista di contatti con centinaia o migliaia di persone, ma non per piccole e medie imprese. Stando a quanto dice Yaron Galain, amministratore di Outbrain, piattaforma leader del mercato nella promozione di contenuti online, devi necessariamente essere creativo e offrire un valore reale attraverso i tuoi contenuti “pubblicitari” online.

Prima di partire, prova a farti questa domanda: sei sicuro che il tuo piano di marketing preveda contenuti che siano davvero cercati e apprezzati dalle persone e dal tuo target?

Spiega Galai:

Che i tuoi contenuti siano sui social network, sponsorizzati su un sito, o attraverso altri canali, i lettori non li stanno cercando veramente. È vitale fare in modo che tu faccia in modo di dare il meglio affinché ci finiscano sopra.

La prima cosa da fare, quindi, è produrre un contenuto brillante ogni volta che pubblichi. In questo modo, potrai essere accreditato come una lettura consigliata sul web, un vero esperto nel tuo campo, aumentando di conseguenza il traffico del tuo sito.

Sul valore dei contenuti online, potrebbero interessarti anche:

Marketing: 4 consigli per creare dei contenuti di valore

Passi per costruire una buona reputazione online

Altro fattore molto importante: l’autopromozione spinta non paga, i lettori capiscono benissimo la differenza tra pubblicità e contenuto di valore.

Vediamo adesso i consigli di Galai per assicurare che i tuoi sforzi di produrre contenuti di qualità producano risultati.

1. Non risparmiare sul design

Certo, è la qualità dei contenuti che farà in modo che i visitatori tornino, ma non sottovalutare il potere di un sito brillante e accattivante. Progettare il tuo sito in alta risoluzione aiuterà i visitatori a identificare i tuoi contenuti come prodotti di qualità. Allo stesso modo, preoccupati di scegliere immagini d’impatto.

2. Non spingere troppo le vendite

Benché lo scopo ultimo di ogni tipo di marketing sia quello di incrementare le vendite, per il web marketing è meglio prevedere un approccio molto più discreto. Bisogna concentrarsi sulla formazione, sull’intrattenimento e sul fornire un valore reale ai clienti, piuttosto che annoiare le persone con innumerevoli discorsi sulle qualità di prodotti e servizi.

3. Fallo multimediale

La multimedialità va a braccetto con il discorso dell’investimento in design. Variare il tipo di contenuti che mostri è essenziale per offrire agli utenti un’esperienza interattiva che li tenga incollati allo schermo.

4. Non lasciare le cose a metà

Se vuoi che il tuo sito sia visitato e navigato il più possibile, mai lasciare le cose a metà, con la speranza che ritornino con la seconda parte del contenuto o, magari, con un contenuto a pagamento.

Offri sempre quanto più possibile: questa è la ragione per cui ogni pagina sul tuo sito dovrebbe essere piena di link a ulteriori contenuti.

5. Inserisci anche articoli e recensioni positive

Il tuo prodotto o la tua azienda hanno ricevuto un articolo o una recensione positivi? È un’opportunità perfetta per metterti in mostra. Inserirli tra i contenuti del sito è un buon modo per attirare pubblico e aumentare la credibilità del tuo brand.

6. Fai in modo che la condivisione sia semplice

Se offri contenuti molto interessante, ci sono buone probabilità che le persone cominceranno a seguirti e ad appassionarsi a ciò che proponi. Ecco perché è importante inserire, sempre, una maniera semplice e chiara per condividere quei contenuti con i loro amici.

 

Curi i contenuti per il blog in maniera attenta? Qual è il post di cui vai più fiero?

Gennaro Sannino

(Autore immagine: Ja458vier)

Print Friendly, PDF & Email

8 Commenti

  1. Diciamo che sono alle prime armi nel creare blog e contenuti per essi! da poco ho messo le basi per creare un’azienda nel campo delle energie rinnovabili che inoltre offre servizi alla persona in campo edilizio e burocratico!
    Capisco la potenza del web ma fatico a creare contenuti nei vari blog, che ho, di effetto!
    Giornalmente mi ritaglio qualche ora per modificare, creare e migliorare i contenuti al fine di proporre qualcosa di innovativo per i navigatori ma sento che la strada che mi separa dall’innovazione è ancora distante!
    Se mi volete aiutare con qualche consiglio ne sarei ben felice!
    Complimenti per i vostri contenuti, vi seguo costantemente!
    ciao Mattia

  2. Creare una campagna di web marketing efficiente è un operazione non semplice almeno per chi non fa web marketing di professione, nonostante ciò esistano alcune nicchie di mercato dove ancora la concorrenza sul web è praticamente inesistente in questi casi con la giusta dose di impegno è un impostazione comunque fatta da un professionista si possano creare risultati soddisfacenti.

  3. Ecco alcuni semplici consigli che però, a dispetto della loro semplicità, hanno un alto impatto sull’efficaci della propria presenza online. Concordo su tutti e sei, hanno il pregio quantomeno di direzionare gli sforzi dei neofiti. E mica è poco.

    • Grazie Alessandro. E’ questo un po’ lo scopo: dare qualche linea generale. Poi ci sono professionisti ai quali ci si può rivolgere per avere consigli più mirati.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.