Amazon: Alexa si sta laureando in legge

411
Amazon Alexa

Una volta, e probabilmente fino ad oggi, si parlava di obsolescenza programmata con riferimento ad elettrodomestici o device tecnologici. Oggi ne possiamo parlare anche relativamente alla categoria degli avvocati. Alexa, l’assiste vocale entrare nelle nostre case con i dispositivi Amazon Echo, è pronta a superare se stessa e rottamare un’intera categoria professionale, gli avvocati appunti.

Stanca di fornirci le previsioni del meteo o darci dei tempi di cottura delle varie pietanze, da adesso Alexa può anche dispensarci informazioni (e consigli?) di natura giuridica. Come? È facile: basta scaricare la skill dal nome “La legge per tutti” e selezionare una categoria d’interesse (dai diritti umani allo stato di famiglia, passando per situazioni d’emergenza che coinvolgono i propri animali domestici). A quel punto, la voce che è diventata per molti una vera e propria assistente, dispenserà tutta la conoscenza giuridica della quale è provvista.

 

L’integrazione con il progetto online “La legge per tutti”

Insomma, anni di università e altrettanti anni di pratica bruciati nel giro di un’istante da Amazon, con il contributo di Angelo Greco, padre del progetto “La legge per tutti”, online dal 2008. Anzi, Greco è addirittura convinto che la sua partnership con Amazon getti le basi per un superamento del passato, tracciando un confine ben demarcato con il presente: “La nostra ricerca tecnologica per venire incontro alle necessità del cittadino – scrive Greco sui propri canali social – non si è mai interrotta. Anche silenziosamente, noi portiamo ogni giorno avanti numerosi progetti”.

E così, oggi, con la giurista Alexa “sarà come avere al telefono un avvocato che vi dirà, in poche parole se avete ragione o torto”. A tutti gli effetti, dunque, è nato il primo avvocato digitale della storia. Con un pro non da poco: è gratuito. O quasi. Forse come parcella accetterà il canone di abbonamento ad Amazon Prime o altri servizi della piattaforma.

 

La reazione della Associazione Italiana Giovani Avvocati

Ad ogni modo, cambiamenti del genere non potevano che provocare una reazione uguale e contraria. A rispondere a quella che viene vissuta da più parti come una palese provocazione (nella migliore delle ipotesi) e una vera e propria invasione di campo (nella peggiore delle ipotesi), ci pensa in primo luogo Francesco Perchinunno, presidente della Associazione Italiana Giovani Avvocati.

Le sue parole sono piuttosto dure: “La tecnologia deve essere un ausilio ai professionisti, ma non potrà mai sostituirsi all’avvocato. I software di intelligenza artificiale applicati alla giustizia e alla professione forense, se non regolati possono rappresentare una grave rischio per la tutela dei diritti dei cittadini e delle imprese”.

Ma non è tutto: Perchinunno ritiene che la supposta gratuità del servizio costituisca un attentato ai principi di libera concorrenza. La sua proposta? Una mozione al Congresso Nazionale Forense per impegnare le istituzioni a tutelare la riserva di competenza in materia stragiudiziale.

 

La posizione del Congresso Nazionale Forense

Non è dello stesso parere Carla Secchieri, consigliera del medesimo Congresso Nazionale Forense, la quale non vede pericolo alcune nella partnership tra Amazon e Greco. Anzi, a suo giudizio la notizia cavalca “le paure di chi teme che l’algoritmo sostituirà la professione dell’avvocato”: di fatto però paragonare un’assistente vocale all’Internet of Things in senso stretto e il riconoscimento vocale ad una forma di AI è semplicemente assurdo.

Anche perché, commenta la Secchieri, il lavoro di Angelo Greco “è solo una versione più moderna del libro L’avvocato nel cassetto, presente in molte famiglie italiane al pari de Il medico nel cassetto”. Niente nascita del primo avvocato digitale, quindi, proprio perché “l’avvocato è tutt’altra cosa che un sunto e non sarà certo l’intelligenza artificiale a sostituirlo”.

Difficile dire chi possa aver ragione. Una sola cosa è certa: per evitare che altre categorie professionali possano finire nel mirino (o direttamente sulla strada della rottamazione) sarebbe bene che la legge procedesse in una direzione ben precisa: quella della regolamentazione dei sempre nuovi progressi tecnologici.

Print Friendly, PDF & Email
Articolo precedenteWellness, mindfulness, awareness. Ora con la cover in AR!
Prossimo articoloGiappone innovazione: schiuma antincendio 100% bio