Apro una gelateria a Tel Aviv

0
14190
Arte Glideria

Nel cuore della Startup Nation due italiani puntano su un settore tradizionale e conquistano la città con il gelato naturale.

Ex istruttori subacquei a Bali, sono stati per molti anni anche guide su imbarcazioni di lusso. Poi devono fermarsi e scoprono il gelato. Stefania Sissi Pagani (48 anni, di Milano) e Marco Camorali (53, di Monza) nel 2015 hanno aperto Arte Glideria, nel cuore di Tel Aviv.

Com’è cominciata questa avventura?

«L’idea di aprire una gelateria arriva a Bali, quando Marco è stato costretto a restare a terra, per problemi a un timpano, e ha sostituito per qualche tempo un amico presso una gelateria locale. Non ci bastava aprire un locale che facesse smercio di prodotti, abbiamo pensato che la differenza l’avrebbe fatta la produzione di gelato» spiega Marco. Studiano due anni presso la Gelato Naturale Academy, poi un anno di esperienza con Marco Tumino, a Viareggio, e imparano anche l’arte della granita con Carmelo Gullo, in Sicilia.

Come mai a Tel Aviv?

«La crisi in Italia ci ha spinto a scegliere Israele, da dove proviene la famiglia di Sissi. È un paese che incoraggia l’immigrazione e Tel Aviv è una città aperta, multiculturale, piena di giovani. La professionalità italiana è molto apprezzata. In materia di cibo, siamo molto considerati. Per questo abbiamo pensato di creare un luogo che portasse valori legati a ingredienti genuini e sani, a un processo di lavorazione sempre sotto il nostro controllo. Così, dopo aver studiato il mercato locale e preparato un business plan, abbiamo scelto di produrre gelato naturale» racconta Marco.

Come è andata?

«Bene. Ci siamo domandati come i clienti avrebbero preso un’offerta di gelati non colorati o gonfiati. Qui impazzava il topping: biscotti, cioccolato, confetti. Al contrario, noi usiamo solo ingredienti naturali e stagionali, no additivi. Risultato: i giovani, che amano uno stile di vita sano, ci hanno capito al volo. Le signore ci chiederono consigli su come cucinare i dolci. Si è creato movimento intorno ad Arte Glideria. Facciamo anche eventi culturali, come mostre di arte e concerti. Il giovedì ospitiamo musicisti jazz e, secondo un giornale locale, siamo il terzo miglior locale dove ascoltare jazz in città!».

Difficoltà?

«Le tasse sono alte e la città è tra le più care al mondo, ma i servizi ci sono. Per i finanziamenti, l’iter è complesso, quindi noi abbiamo investito in prima persona. Se sei onesto, qui l’etica del lavoro ha un grande valore e gli sforzi vengono ripagati. Diamo lavoro a una ventina di collaboratori».

Tratto dall’articolo di Amanda Ronzoni “Tel Aviv giovane e bella” pubblicato su Millionaire di febbraio 2018. Per acquistare l’arretrato scrivi a abbonamenti@ieoinf.it

Print Friendly, PDF & Email

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.