Berlino: 5 cose da sapere prima di trasferirsi

2919

Sono 17mila i nostri connazionali che vivono a Berlino. Laureati, artisti, startupper con un sogno in comune: fare fortuna e ricostruirsi una vita.

Come Raffaele D’Aniello, 28 anni, laureando in Ingegneria, che è partito da Volla, Comune di Napoli Est per approdare nella capitale tedesca alla ricerca di un’opportunità. Qui ci racconta la sua esperienza.

Se anche tu vuoi fare le valigie e provare a rivoluzionare la tua vita in terra berlinese, ecco alcune cose che devi sapere prima di metterti in viaggio.

1. Anmeldung (iscrizione anagrafica)

È una delle priorità. Senza questo documento che prevede la segnalazione dell’indirizzo in cui alloggi, non puoi aprire un conto in banca, pagare utenze, ricevere assistenza sanitaria. L’ufficio competente è la Meldebehörde (autorità per le notifiche) del Bürgeramt (ufficio comunale). Il formulario si scarica online (http://bit.ly/1kgGdGL) e l’appuntamento lo prenoti via Web: in quest’occasione porta con te qualsiasi documento giustifichi la domanda di registrazione, come l’affitto di un mobile, un contratto di lavoro.

2. Deutsch

Negozianti e addetti al settore turistico parlano inglese, ma se volete trasferirvi a Berlino dovete imparare il tedesco. «In città senza sapere il tedesco non si può fare nulla. La lingua è difficilissima: ci vogliono tre anni per impararla. Il mio consiglio? Venire qui dopo aver frequentato almeno un anno di corso» suggerisce Ottavia Ricci , a Berlino dal 2009. Sul posto l’Università popolare (Berliner Volkshochschule, http://www.berlin.de/vhs/) propone lezioni a prezzi convenienti).

3. Riconoscimento del titolo di studio

C’è un ufficio apposito, lo Zeugnisanerkennugstelle (Ufficio riconoscimento attestati), in Otto-Braun- Straße, 27. Devi compilare un modulo e allegare alcuni documenti: copia autenticata degli attestati (fattibile in consolato) traduzione, copie dei documenti personali e del cv in formato europeo.

4. Lavoro dipendente

Statistiche alla mano, cercare impiego a Berlino è più facile che in Italia. Tuttavia, prima di fare il grande salto, documentati presso gli uffici di collocamento locale (http://www.arbeitsagentur.de/) che online pubblicano diverse informazioni pratiche. Al colloquio bisogna presentarsi con:

[styled_list style=”check_list” variation=”blue”]

  • Curriculum e Anmeldebestätigung (documento di registrazione all’anagrafe).
  • Codice fiscale locale, Lohnsteuerkarte (documento emesso dall’Agenzia delle entrate per il computo del reddito da lavoro dipendente).
  • Codice del servizio sanitario nazionale.

[/styled_list]

5. Visto per l’impresa

«La registrazione dell’attività comporta una visita al Finanzamt (Ufficio delle entrate) e la compilazione di un modulo. Va inoltre dichiarata una previsione di fatturato: sotto i 17.500 euro si è esentati dal pagamento dell’Iva locale» spiega Simone Buttazzi, 36 anni, traduttore, residente a Berlino dal 2005 e autore, con Gabriella Di Cagno, di Tutti a Berlino (Quodlibet, 12 euro), www.tuttiaberlino.eu.

Vuoi altri consigli? Leggi l’articolo completo di Maria Spezia “Tutti a Berlino: come farcela dalla A alla Z”. Lo trovi su Millionaire di settembre 2013.

1176370_729198383773345_102164296_n

Redazione

(Fonte foto utente flickr danielfoster437)

Print Friendly, PDF & Email
Articolo precedente
Prossimo articolo2013, l’anno delle startup innovative?

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.