Ci piace il vintage

1322

Meno lusso e più sostenibilità, usato e non griffato: i gusti dei più giovani fanno tendenza

 

Ormai è una vera e propria colonna portante del settore dell’abbigliamento. Quella del vintage non è più una moda passeggera, ma è diventato un must have dell’abbigliamento giovanile: usato e non griffato, la Gen Z non può più farne a meno. E vintage fa rima con sostenibilità.

 

 

Navigando nel mare magnum del mondo vintage ci soffermiamo in particolare su due alfieri del settore che hanno avuto l’intuizione di reinventare un’App come marketplace globale: Depop, fondata da Simon Beckerman e la tedesca Vinokilo, capitanata da Robin Balser. Ma non solo, si va dalla famosa Vinted, alla meno nota, ma non meno interessante società scandinava Sellpy, la transalpina Vestiaire Collective e la diffusissima catena H&M, sbarcata anch’essa nel mondo vintage. Un mondo tutto da scoprire.

 

Articolo pubblicato su Millionaire di settembre 2022

Print Friendly, PDF & Email
Articolo precedenteLa startup Cynexo rende possibili gli odori per la realtà virtuale
Prossimo articoloYounited offre prestiti fino a 1.000 euro entro 24 ore