fbpx
La Gastrónoma lima

«Da Parma a Lima per amore, ho aperto una piccola enoteca»

«Studiavo Economia a Parma e la sera lavoravo all’enoteca Tabarro, tempio del vino e dei formaggi. Una sera una ragazza bellissima, peruviana, mi chiede una birra. La servo e vado dal proprietario del locale e gli dico: “La vedi quella ragazza con la birra in mano? Tra sei mesi mi sposo con lei e andiamo a vivere in Perú. In quel momento era uno scherzo, ma dopo un anno e mezzo ero a Lima con Sabrina, mia attuale moglie e mamma di Frida e Pablito». Marco Tecchia, 36 anni, romano, è titolare de La Gastrónoma, una piccola enoteca con cucina nel quartiere Miraflores a Lima. Oltre al ristorante, importa vino e olio dall’Italia (ma anche dall’Argentina e dal Cile) e lo vende ai ristoranti del Paese.

Da Parma a Lima: com’è stato il passaggio?

«All’inizio non facile. Nove anni fa era una città dura, piena di traffico e con una cultura molto diversa, anche se latina. Poi ci ho fatto l’abitudine, ho scoperto angoli nascosti e realtà meravigliose».

È stato difficile avviare la tua attività?

«Ho iniziato come importatore, poi una volta avviato, ho aperto l’enoteca con piccolo ristorante. A Lima mancava un posto di ristoro con spirito e calore italiano. In genere per avviare un’attività occorre avere un avere permesso di soggiorno o residenza che si ottiene facendo un investimento di 20mila dollari, oppure sposandosi o ancora ottenendo un contratto di lavoro».

È vero che molti italiani producono in Perù prodotti gastronomici italiani?

«Sì, noi compriamo da molti di loro. Il più interessante di tutti è Cesare Zucchelli, un ragazzo della Valtellina che vive da 15 anni a Huachucocha, un villaggio sperduto a 250 metri sulle Ande dove produce taleggio a latte crudo, burro e altri formaggi. Lavora nell’ambito del progetto sociale Don Bosco e il suo obiettivo è generare reddito attraverso l’arte e il lavoro del formaggio, e costruire una famiglia sulle Ande, invece di sognare solo di andare a ingrossare le sacche di povertà di Lima».

Come va il business?

«Sono molto soddisfatto. I miei clienti b2b sono sia i grandi ristoranti dei Fifty Best (Central, Astrid y Gastón e Maido) sia quelli più piccoli, ma molto interessanti come Merito, Pan de la Chola, Pan Sal Aire: realtà emergenti con chef e proprietari giovani e proiettati al futuro. La cucina peruviana sta avendo un grande boom in questo periodo. Quanto al ristorante, è frequentato da artisti, espatriati, giovani peruviani di una nuova classe media emergente e una quota crescente di turisti. A breve apriremo un altro locale a Lima e uno a Cuzco».

INFO su Instagram: lagastronoma

Tratto dall’articolo “Perù chiama Italia” pubblicato su Millionaire di ottobre 2019. Per acquistare l’arretrato scrivi a abbonamenti@ieoinf.it

 

Smau 2023 sbarca a San Francisco

Dopo il successo di Milano, il programma della nuova stagione con l’esordio a maggio in California.   Smau, la fiera italiana numero uno in tema

La pasta made In Italy è sempre un buon business

Frescobaldi annuncia la sua prima produzione di pasta.   Frescobaldi, uno dei principali brand del vino italiani entra nella produzione della pasta con Tirrena. La nuova

Singapore, attrazione strategica

Sempre più capitali e investitori scelgono la Città-Stato asiatica. Stabilità politica, servizi finanziari e qualità della vita, ma anche tech, innovazione e sostenibilità.   Tra

logo-footer
Il mensile di business più letto.

Direttore responsabile: Lionello Cadorin

Editore: Millionaire.it Srl Indirizzo: Largo della Crocetta, 2 20122 Milano (MI) Italy

Partita IVA: 12498200968 – Numero iscrizione ROC: 38684

© 2023 millionaire.it.