fbpx

Da Torino a New York con la mia lampada di cartone

È emigrata con la sua lampada di cartone, poi rivista con processore Arduino: collegata a un pc, si accende senza spina non appena la tocchi. L’ha portata a New York. In 6 mesi ha conquistato 50 musei e migliaia di clienti. Ne ha già vendute più di 3.000. Silvia Bosio, 39 anni, torinese è quella che si dice una maker, un’artigiana digitale. Per far conoscere la sua W-Lamp, ha creato una startup a Brooklyn.

«Perché in Italia fare un’impresa hi-tech è dura, il mercato è fermo e, se sei una donna, c’è diffidenza. Quando sono arrivata a New York ho incontrato un italiano che aiuta le startup, Fernando Napoletano: mi ha presentato a un business developer, che subito mi ha dato fiducia: «Sei italiana, hai una marcia in più. Noi americani quando chiudiamo gli occhi, dormiamo. Voi italiani, quando chiudete gli occhi, iniziate a sognare».

Così, passo dopo passo, Silvia crea la sua società, certifica le lampade per il mercato americano, partecipa alle più importanti fiere. E anche il Los Angeles Times si accorge di lei. «Non è stato tutto facile, quello americano è un mercato duro e che non perdona. Ma dà a tutti la possibilità di farcela. Me lo diceva mia zia, emigrata in Connecticut 50 anni fa con la valigia di cartone: “Vieni qui e inventati un lavoro. Se hai le possibilità, ce la fai”. Oggi ha creato un’azienda leader della pasta ripiena surgelata».

INFO: http://www.w-lamp.com/

Eleonora Chioda

New York: il sogno della grande mela

Sogno e business: che cosa offre NY a chi vuol fare impresa. Testimonianze dalla comunità degli italiani che ci lavorano.   New York incarna, più

Il più grande sequestro di criptovalute

La storia dell’uomo che l’ha fatta franca per 10 anni rubando bitcoin per un valore di oltre 1 miliardo di dollari.   Nel 2012, dal

Brain-control-WEB

Controllare lo smartphone con il pensiero

Synchron rivoluziona il settore delle Brain-Computer Interfaces con Synchron Switch, un sistema per collegare gli impulsi cerebrali ai dispositivi elettronici.   Il primo smartphone al

Velasca: il business model vincente

Con 70 dipendenti e circa 20 milioni di fatturato, Velasca è una delle aziende di produzione Made in Italy, più hot del momento.   Li

D-Orbit

D-Orbit: quotazione in borsa in stand-by

D-Orbit ha momentaneamente sospeso la sua quotazione presso l’indice Nasdaq di New York D-Orbit, la piccola azienda aerospaziale di Fino Mornasco (CO) balzata agli onori

Mind the Bridge

Mind the Bridge: apertura a New York

L’organizzazione degli italiani Alberto Onetti e Marco Marinucci si estende in America e conquista anche New York Il nuovo ufficio della boutique italiana che offre

NFT famosi e famigerati

Anna Sorokin: le truffe, il carcere e la serie tv «Mentirei a te, a tutti gli altri e a me stessa se dicessi che sono

logo-footer
Il mensile di business più letto.

Direttore responsabile: Lionello Cadorin

Editore: Millionaire.it Srl Indirizzo: Largo della Crocetta, 2 20122 Milano (MI) Italy

Partita IVA: 12498200968 – Numero iscrizione ROC: 38684

© 2023 millionaire.it.