Il nuovo status symbol della Generazione Z? Il viso ‘perfetto’ a tutti i costi.

Di
Redazione Millionaire.it
7 Luglio 2024

I filtri dei social media sarebbero una delle ragioni principali per un allarmante aumento delle iniezioni facciali anche tra i giovanissimi.

In una società in cui siamo tutti “in remoto”, lo status symbol più ‘hot’ è il nostro viso. E l’arma più aggressiva per potenziarlo, o almeno renderlo più simile agli effetti dei filtri, è il Botox.

È facile identificare quando una foto è stata caricata alle origini di Instagram. Foto granulari, al tramonto, e selfie stropicciati riempivano i social media durante la metà degli anni 2010. Poi i filtri di realtà aumentata sono diventati virali per la loro capacità di restringere i nasi e schiarire le carnagioni.

Avanti di quasi un decennio, e i filtri hanno significativamente alzato l’asticella. A differenza dei filtri con corone di fiori od orecchie di gattino, che sovrapponevano un volto in rete sulla tua selfie schermo usando la tecnologia di tracciamento facciale, gli ultimi filtri digeriscono i pixel dell’immagine per produrre un volto completamente nuovo. Il mondo online di oggi è invaso da immagini di pelli prive di pori, sopracciglia perfettamente arcuate e labbra carnose, ma non è sempre chiaro chi si sta sottoponendo a un lifting digitale e chi ha effettivamente fatto un intervento.

I “tweakments” non invasivi e anti-invecchiamento, come filler labbra e Botox, sono ad un livello record. Dal 2019 al 2022, c’è stato un aumento del 18% nei procedimenti cosmetici facciali. Nello stesso periodo, il numero di iniezioni di Botox è aumentato del 73%. E secondo l’American Academy of Facial Plastic and Reconstructive Surgery, la Generazione Z sta contribuendo ad aumentare la domanda. In un sondaggio del 2022, il 75% dei chirurghi plastici facciali ha riportato che sempre più clienti sotto i 30 anni stavano richiedendo iniezioni di Botox e filler labbra. Il loro obiettivo principale? Migliorare le proprie selfie.

Anche prima del boom del lavoro remoto, gli esperti hanno notato che i social media stavano plasmando l’aspetto delle persone. Nel 2019, il New Yorker lo ha dichiarato “L’età del volto di Instagram”, un aspetto emergente reso popolare dalle Kardashians e da altri influencer che consisteva in zigomi gonfi, occhi da gatta e labbra lussureggianti. Le persone stavano iniziando a somigliarsi, sosteneva la storia. Cinque anni dopo, poiché ancora più delle nostre interazioni quotidiane si svolgono nello spazio online, grazie al lavoro remoto, la tendenza si è intensificata.

Non è solo bello apparire migliore. È diventato che ci sentiamo dei fallimenti se non lo facciamo.

L’accessibilità aumentata, la riduzione dello stigma e la nuova pressione di stare al passo con i ‘vicini digitali’ stanno spingendo un boom della chirurgia plastica. Sempre più spesso, cambiare il proprio volto è solo una questione di stare al passo coi tempi. “Anche se sappiamo che nessuno assomiglia al proprio profilo Instagram, confrontiamo sempre il nostro corpo reale con il profilo Instagram degli altri”, conferma Heather Widdows, professore di filosofia all’Università di Warwick.

Le piattaforme dei social media sono state a lungo ritenute dannose per l’autostima dei giovani. Uno studio del 2018 su ragazze adolescenti ha scoperto che più tempo passavano sui social media, più probabilmente avrebbero sperimentato “insoddisfazione corporea” e depressione. Una ricerca pubblicata dall’American Psychological Association nel 2023 ha scoperto che gli adolescenti e i giovani adulti che hanno ridotto il loro tempo sui social media del 50% per alcune settimane hanno sperimentato un miglioramento significativo del loro atteggiamento verso il loro peso e l’aspetto. Ma le persone stanno trascorrendo sempre più tempo online, scorrendo i social media e fissandosi nelle videochiamate Zoom.

Fin dai primi giorni dei filtri dei social media, i ricercatori si preoccupavano del loro impatto, ma  il filtro facciale più utilizzato su Instagram mostrava cuori sugli occhi e frecce di Cupido che volavano sullo schermo – non esattamente un look replicabile.

Dall’ora in poi, però, i filtri sono diventati più realistici. Trucchi su TikTok come Bold Glamour e Teenage Look cambiano senza soluzione di continuità i volti pixel per pixel, creando uno specchio virtuale fantastico che gli psicologi dicono che può portare alla dismorfofobia. Le imperfezioni vengono sfocate, la pelle viene schiarita e le proporzioni vengono alterate. I filtri per il viso da anziano sono un avvertimento: ecco come sembrerai rugoso e cadente se non ti sottoponi ad un intervento.

Uno studio del 2020 della City University di Londra ha scoperto che il 90% delle donne di 18-30 anni con cui hanno parlato usava filtri dei social media per migliorare il proprio aspetto. Uno studio del 2019 ha scoperto che le persone che usavano YouTube, Tinder e Snapchat – specialmente le loro funzionalità di modifica dell’immagine – erano più propense ad accettare la chirurgia estetica. Uno studio del 2022 che ha esaminato gli utenti di Instagram della Generazione Z ha scoperto che le persone che usavano filtri per modificare le proprie foto erano più inclini a farsi fare dei ritocchi.

I social media hanno anche ridotto lo stigma del lavoro cosmetico. I chirurghi plastici condividono video che approfondiscono le complessità dei vari interventi, mentre gli utenti condividono video in stile “un giorno nella vita” che guidano il pubblico dalla sala trattamenti al percorso di recupero. Lo studio del 2022 ha scoperto che le persone che seguivano un influencer che si era sottoposto a un intervento cosmetico erano più propense a voler sottoporsi al proprio intervento.

Dopo aver scorso i social media o fissato il tuo viso filtrato in un video, vedere il proprio riflesso – gonfio, cascante, invecchiato – potrebbe essere una realtà sconcertante. “Il divario tra l’identità che presentiamo sui social media e il sé che vediamo allo specchio si sta ampliando. Non è solo bello apparire migliore. È diventato che ci sentiamo dei fallimenti se non lo facciamo.”

Più persone si sottopongono a interventi cosmetici, più il resto di noi perde il contatto con ciò che è normale. È facile capire perché sempre più persone si piegano alla pressione di cambiare il proprio aspetto.

logo-footer
Il mensile di business più letto.

Direttore responsabile: Federico Rivi

Editore: Millionaire.it Srl Indirizzo: Largo della Crocetta, 2 20122 Milano (MI) Italy

Partita IVA: 12498200968 – Numero iscrizione ROC: 38684

© 2024 millionaire.it.