Il treno passeggeri più lungo del mondo

683

La Ferrovia retica (RhB) ha raggiunto il record mondiale di treno passeggeri più lungo del mondo.

 

Un treno da 100 vagoni, 4.550 posti a sedere e 2.990 tonnellate. Sono questi i numeri che si sono visti allineati come un filo di perle nel tunnel dell’Albula la notte prima del grande viaggio di 45 minuti.

Il treno è partito da Preda alle 14:20 ed è arrivato dopo circa un’ora, attraversando le Alpi Svizzere per un percorso di 24 km, fino ad arrivare al famosissimo viadotto Landwasser, nel cantone svizzero dei Grigioni.

Dichiarata patrimonio mondiale dell’Unesco dal 2008, la linea dell’Albula e del Bernina della ferrovia retica è la terza via ferroviaria al mondo ad avere ottenuto tale riconoscimento.

 

“Dopo un’intensa preparazione, siamo felicissimi di aver raggiunto questo record mondiale. Non solo abbiamo organizzato un meraviglioso festival ferroviario qui a Bergün, ma siamo stati in grado di presentarci in tutto il mondo come una ferrovia di montagna affascinante e innovativa grazie ai nostri partner, sponsor e un team incredibile” ha affermato Renato Fasciati, direttore di RhB poco dopo che è stato stabilito il record mondiale, tenutosi nell’ambito delle celebrazioni per il 175° anniversario delle ferrovie svizzere.

 

Sono circa 12 milioni i passeggeri ogni anno e 620.000 tonnellate di merci.

La rete ferroviaria svizzera è lunga circa 5.500 km ed è elettrificata al 100%. Questo la rende l’unico Paese europeo ad avere tutte le linee ferroviarie elettrificate e quindi all’avanguardia nei servizi ferroviari, efficienti dal punto di vista energetico e rispettosi dell’ambiente.

Tutta questa continua innovazione arriva grazie ad ABB, azienda tecnologica leader a livello mondiale, che continua a migliorare la sua tecnologia e le prestazioni delle soluzioni da 130. Grazie ai convertitori di trazione Bordline di ABB, i treni Stadler “Capricorn” sono così efficienti dal punto di vista energetico che la RhB risparmia circa 900 MWh all’anno, sufficienti per alimentare 200 abitazioni.

“Eliminare la trazione solo diesel dalle nostre ferrovie e accelerare il ritmo dell’elettrificazione ferroviaria è fondamentale per creare una rete di trasporto sostenibile adatta a un futuro a zero emissioni” afferma Antonio Colla, Global railway Sales and Marketing Manager di ABB.

“In genere, un treno elettrico emette tra il 20% e il 35% di CO₂ in meno per passeggero per km rispetto a un treno diesel – una cifra destinata ad aumentare con la continua decarbonizzazione del settore della produzione di energia”.

Con l’elettrificazione delle ferrovie si ha quindi l’opportunità di essere all’avanguardia nell’integrazione delle fonti rinnovabili, nell’autogenerazione e nell’ottimizzazione dell’energia per stabilire lo standard del trasporto ferroviario sostenibile.

 

Poiché ogni viaggio in treno comporta un’enorme quantità di frenate e accelerazioni, l’energia di frenata può essere recuperata e riutilizzata. Quando un treno elettrico convenzionale decelera, i motori agiscono come generatori e producono elettricità.

Nella maggior parte dei casi, solo una parte di questa energia viene utilizzata per i sistemi di bordo e trasmessa ai treni che viaggiano sullo stesso binario. I sistemi di accumulo di energia a terra di ABB consentono agli operatori di immagazzinare questa energia di frenata e di restituirla alla linea per sostenere l’accelerazione di altri treni che transitano sullo stesso tratto di linea.

La capacità di sfruttare l’energia rigenerativa utilizzata in questo ciclo migliaia di volte al giorno offre la più grande opportunità di migliorare l’efficienza energetica dei sistemi di trazione e di ridurre la domanda della rete.

Questo, secondo Colla, può ridurre il consumo energetico complessivo fino al 30%. Un’altra opportunità di utilizzo dell’energia di frenata recuperata consiste nella possibilità di restituirla alla rete.

ABB sta apportando innovazioni ferroviarie sostenibili ai principali progetti di infrastrutture ferroviarie in paesi come Regno Unito, Spagna, Portogallo, Germania e Austria.

 

Print Friendly, PDF & Email
Articolo precedenteMarco Pavone, nel cuore delle big tech tra business e ricerca
Prossimo articoloIl più grande sequestro di criptovalute