L’italiana Satispay tra le 250 fintech che crescono di più nel mondo

19061
satispay fintech team
Da sinistra, Dario Brignone, Alberto Dalmasso e Samuele Pinta

Non avevano ancora 30 anni quando, nel 2013, tre amici cuneesi hanno lasciato i loro rispettivi lavori e hanno creato Satispay. È un’app che permette di scambiare denaro tra privati ed effettuare pagamenti veloci, nei negozi e online, tramite smartphone. Il progetto ha attirato fin da subito clienti e investitori. Nel 2017 Satispay ha chiuso un aumento di capitale da oltre 18 milioni di euro, record per una startup italiana). E oggi è l’unica italiana tra le 250 fintech a più rapida crescita nel mondo. Come già nel 2018, anche quest’anno è entrata nella lista di CB Insights, accanto a grandi nomi e unicorni (società valutate almeno un miliardo di dollari) come Revolut, TransferWise e Robinhood.

«Far parte di questa prestigiosa classifica come uno dei player che oggi si continuano a distinguere in un mercato mondiale caratterizzato da uno straordinario fermento è un’importantissima conferma della forza del modello di business che abbiamo costruito, che stiamo sviluppando e abbiamo cominciato a portare anche all’estero» commenta Alberto Dalmasso, Ceo di Satispay e co-founder insieme a Dario Brignone e Samuele Pinta. L’obiettivo adesso è «diventare lo strumento finanziario più utilizzato in Europa».

L’unica italiana tra 16.000 candidati

Quest’anno CB Insights ha selezionato le Fintech 250 tra 16.000 candidati, sulla base di diversi fattori, come i dati presentati dalle aziende e il loro Mosaic Score (un punteggio che misura il potenziale di crescita delle imprese). 25 Paesi e 19 categorie rappresentate, dal retail banking alle criptovalute.

Le fintech scelte nella scorsa edizione hanno raccolto oltre 22 miliardi di investimenti. 20 sono state quotate o acquisite. «Ci aspettiamo che anche le Fintech 250 di quest’anno possano avere un egual successo in futuro. Grazie alla loro capacità di trasformare continuamente il modo in cui le persone spendono, risparmiano e investono il loro denaro» ha commentato Anand Sanwal, Ceo di CB Insights.

Oggi Satispay conta oltre 1,2 milioni di utenti e 120mila esercenti (da piccoli negozi a grandi catene, come Esselunga e Carrefour). L’azienda ha oltre 100 collaboratori tra la sede di Milano e gli uffici a Berlino e in Lussemburgo.

Print Friendly, PDF & Email
Articolo precedenteSilicon Valley: trend, storie, imprenditori che stanno cambiando la storia
Prossimo articoloDal 17enne che rifiuta 8 milioni di dollari al bambino che regala sorrisi: la lezione di impresa dei giovani in tempi di Covid

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.