fbpx

La pizza napoletana come Dio comanda!

Da patrimonio Unesco al Regolamento di Esecuzione. Arrivano le regole per la vera pizza napoletana.

 

Era il 7 dicembre 2017 quando l’abilità del pizzaiolo napoletano veniva inserita nella lista Unesco del patrimonio mondiale immateriale dell’umanità. Un vero e proprio tesoro intoccabile della nostra gastronomia, una pratica culinaria che viene tramandata di generazione in generazione nell’ltalia meridionale e che porta così, con la sua unicità, la pizza a essere uno dei prodotti più venduti e consumati al mondo.

Già nel 2010, la commissione europea il 5 febbraio aveva varato un regola­mento che disciplina la produzione napoletana nel mondo, dichiarandola così STG, ossia specialità tradizionale garantita. Grazie al riconoscimento dell’Unesco ora quest’arte potrà essere insegnata solo a Napoli, seguendo norme specifiche per preparazione e cottura. In questo modo si prosegue con la tradizione culinaria napoletana.

Il nome “Pizza Napoletana” ora potrà essere utilizzato sulle confezioni o nei menù di ristoranti e pizzerie in Italia e nell’Unione Europea solo se saranno garantite alcune caratteristiche su preparazione e ingredienti:

  • le ore minime di lievitazione
  • la stesura a mano della pasta
  • le modalità di farcitura
  • la cottura esclusivamente in forno a legna ad una temperatura di 485°C
  • l’altezza del cornicione di 1-2 cm

Il tutto è inserito nella Gazzetta ufficiale del Regolamento di esecuzione (Ue) 2022/2313, che ha approvato la richiesta dell’Italia di garantire la protezione con riserva del nome per la “Pizza Napoletana” Stg.

 

Non solo il nome Pizza Napoletana

Nel provvedimento sono previste regole che riguardano anche l’utilizzo di materie prime di base come l’olio extravergine d’oliva, il basilico fresco, la “Mozzarella di Bufala Campana Dop” e la “Mozzarella tradizionale Stg”. Altri ingredienti necessari nella preparazione della “Pizza Napoletana” sono i pomodori pelati e/o pomodorini freschi. Il nuovo regolamento entrerà in vigore il 18 dicembre.

 

Qualche numero

Ogni giorno in Italia si sfornano circa 8 milioni di pizze con 200 milioni di kg di farina, 225 milioni di kg di mozzarella, 30 milioni di litri di olio di oliva e 260 milioni di kg di salsa di pomodoro.

 

Ora è la volta della baguette

Anche la Francia peró non é da meno. Sembra infatti che produca 16 milioni di baguette al giorno. Ma come la pizza, anche questo pane dalla crosta dorata e croccante, ha visto il declino della tradizione con i supermercati. Ora, grazie al riconoscimento Unesco, c’è qualcosa da celebrare. L’ente infatti ha annunciato di aver aggiunto “il know-how artigianale e la coltura del pane baguette“ alla sua lista di altre 600 articoli, unendola a prodotti come la tradizionale preparazione del té in Cina o la danza coreana “Talchum”.

La sua inclusione “celebra lo stile di vita francese”, ha riferito il capo dell’Unesco Audrey Asoulay aggiungendo: «La baguette è un rito quotidiano, un elemento strutturante del pasto, sinonimo di condivisione e convivialità. È importante che queste abilità e abitudini sociali continuino ad esistere in futuro».

 

E voi cosa preferite? Pizza o baguette?

 

BISS, l’azienda biotech italiana innovativa

ChemoMaker il robot che sostituisce i sistemi di vecchia generazione negli ospedali italiani come quello di Genova San martino, Trieste e Cremona   Da Trieste

La nuova direttiva sulla “Case green”

L’ obiettivo dell’unione europea entro il 2030 è di portare tutte le abitazioni presenti in Europa a una classe energetica E   Secondo la bozza

Il mondo delle criptovalute sta cambiando

Quello delle cripto è un settore in costante mutazione, caratterizzato da poca solidità ed estrema volatilità   Il 2023 è iniziato e si vedono già

SalentIA: la startup al servizio del territorio

Una startup innovativa nata dall’entusiasmo di 110 studenti di una scuola superiore di Lecce per promuovere la loro terra. Intelligenza artificiale e metaverso per incrementare

Calo del 35% di investimenti nelle startup

Come era già stato previsto all’inizio del 2022 gli investimenti in startup hanno registrato una forte frenata a livello globale   Secondo i dati appena

Volare a emissione zero ora è possibile

È stato effettuato il primo volo a zero emissioni. Si tratta di ZeroAvia, leader dell’aviazione a emissioni zero, che ha preso il volo con il

Hype ha un nuovo CEO

L’ex PagoPa Giuseppe Virgone guiderà la società verso un nuovo percorso di crescita   Giuseppe Virgone lascia PagoPA e diventa il nuovo CEO di Hype.

logo-footer
Il mensile di business più letto.

Direttore responsabile: Lionello Cadorin

Editore: Millionaire.it Srl Indirizzo: Largo della Crocetta, 2 20122 Milano (MI) Italy

Partita IVA: 12498200968 – Numero iscrizione ROC: 38684

© 2023 millionaire.it.