La rigenerazione urbana incontra il design

546
Rigenerazione urbana

Dall’urbanistica tattica al trekking urbano, dai murales alla street art, fino all’asphalt art.

Si arricchisce il vocabolario della rigenerazione urbana quando incontra l’arte, il design e la natura, quando è forte la partecipazione della community, quando in gioco ci sono i beni comuni e quando si diffonde il concetto di condivisione.

La città si racconta, dialoga con i suoi abitanti, chiede informazioni e le offre. Ed è lo spazio pubblico che più di altri ha la capacità di amalgamare paesaggio e arte, promuovendo l’inclusione, attivando progetti attenti all’ecologia, producendo bellezza.

Non di rado le sperimentazioni più interessanti sono nell’uso temporaneo degli spazi.

Da Milano con gli ex scali a Napoli, passando per la Capitale con il riuso degli ex depositi Atac o della caserma Guido Reni. In Italia esistono migliaia di spazi e di edifici al centro di programmi di recupero e riqualificazione importanti e articolati, che spesso durano anni. Dalla Manifattura Tabacchi di Firenze a Mind – Milano Innovation District, il nuovo distretto dell’innovazione nell’ex area di Expo 2015.

Tanti esempi virtuosi nell’articolo di Paola Pierotti.

Articolo pubblicato su Millionaire giugno 2022

 

Print Friendly, PDF & Email
Articolo precedenteEmigrante o Expat?
Prossimo articoloItalia, meta affascinante per chi vuole fare un viaggio enogastronomico

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.