Mollo tutto, vado in Irlanda e lavoro in Apple

7122

Su Millionaire ci siamo già occupati dell’Irlanda e dei vantaggi di lavorare e fare business sull’isola (leggi per esempio, 6 buoni motivi per trasferirti in Irlanda). La notizia di oggi è che la Apple sta cercando personale (ben mille posti di lavoro entro il 2017) nella sede irlandese di Cork. Lo svela Ida Irland, principale società irlandese di investimenti esteri. I nuovi posti si andranno ad aggiungere ai 5mila attuali.

Ma come si vive e lavora in Apple a Cork? Lo abbiamo chiesto ad Anna Vicino, 32enne di Potenza, che ha lavorato per quattro anni nella multinazionale.

Come è l’ambiente di lavoro?

«Lavorare in Apple è stata l’esperienza più bella e formativa della mia vita. La sede europea a Cork è in continua espansione, una struttura immane, vetrate enormi, spazi luminosi, divani, aree relax, palestra, sauna, ristorante, ogni genere di comfort che contribuisce a creare un ambiente sereno e sano in cui lavorare e crescere. I rapporti con i ‘capi’, tra colleghi, con il personale, con tutti, sono straordinariamente umani, ogni individuo rappresenta un valore aggiunto all’azienda che ricambia i il contributo dei suoi dipendenti con rispetto, considerazione, valorizzazione, correttezza. È un ambiente unico, ci si sente parte di una grande famiglia, dove ognuno è sempre pronto a darti una mano. E poi ci sono eventi, feste, per conoscersi, per divertirsi anche fuori dallo spazio di lavoro. Un’azienda fantastica sotto tutti i punti di vista».

Come è la vita a Cork?
«Una città vivibilissima, piccola e grande allo stesso tempo, sicura, tranquilla, piena di gente da tutto il mondo. Il popolo irlandese ci somiglia in qualche modo: accogliente, generoso, vivace. Quello che li rende speciali è un profondo rispetto per gli altri e per la cosa comune, una civiltà senza uguali, un orgoglio di appartenza alla propria terra e ai propri valori espresso nelle forme migliori».

Svantaggi?

«L’unica pecca è il clima. Per noi italiani può essere dura svegliarsi ogni mattina con un cielo grigio, pioggia e freddo la gran parte dell’anno. Ma posso dire che vivere in Irlanda mi ha reso una persona migliore, più ricca dentro, mi ha dato la possibilità di conoscere gente fantastica, di imparare, crescere, considerare cose che prima non consideravo…avrò sempre tutto questo nel cuore».

Se la testimonianza di Anna vi ha convinto potete inviare la vostra candidatura sul sito dell’azienda. Al momento sono già diverse le posizioni aperte.

Giancarlo Donadio

Print Friendly, PDF & Email
Articolo precedenteCome raccogliere soldi con l’equity crowdfunding. Lo spiega Tommaso D’Onofrio di Assiteca Crowd
Prossimo articoloCortilia e PonyZero: partnership tra startup a km zero

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.