MSC crociere lancerà Explora Journeys

1379

Dal 2023 al 2028, MSC lancerà una flotta di sei navi da crociera, con due navi già in costruzione e due navi alimentate a idrogeno. 

 

Explora I offrirà 461 suite, penthouse e residenze fronte oceano, concepite per offrire agli ospiti una vera casa sul mare, con viste panoramiche dell’oceano, terrazza privata, una scelta tra undici esperienze culinarie diverse con sei ristoranti, servizio in camera, 12 bar e lounge (otto esterni e quattro interni), la Chef’s Kitchen, quattro piscine, grandi terrazze esterne con cabine, servizi benessere e un’ampia serie di intrattenimenti.

Ci racconta di più Michael Ungerer, CEO di Explora Journeys.

 

Michael Ungerer

 

Come mai MSC ha deciso di lanciare Explora Journeys con un’offerta così unica?

«Costruire un marchio di stile di vita di lusso che ridefinisca la tradizionale crociera di lusso e l’esperienza di viaggio oceanico, è stata una visione di lunga data della famiglia Aponte. Con oltre 300 anni di storia marinara, conoscono il mare come solo pochi altri: l’oceano fa parte del loro DNA. Dalla loro eredità marittima unita alla comprensione innata della famiglia dei viaggi di lusso, l’idea era quella di creare una fuga oceanica come nessun altro, ispirato dall’amore e dalla passione della famiglia per il mare, dalle loro esperienze di viaggio personali e dallo spirito imprenditoriale incrollabile. Explora Journeys sarà pioniere nello sfruttare questa conoscenza, offrendo ai viaggiatori un nuovo tipo di lusso in mare come mai sperimentato prima. Stiamo definendo una nuova categoria di viaggi di lusso per soddisfare le esigenze dei viaggiatori esigenti di oggi e di domani.

La visione di entrare nel mercato del lusso era chiara molto prima della pandemia, tuttavia abbiamo utilizzato il tempo e la prospettiva per adattarci di conseguenza, in modo da riuscire a soddisfare e superare le esigenze e i desideri di una nuova era di viaggio. La nostra aspirazione è creare un “Ocean State of Mind”, una mentalità che può essere raggiunta solo con Explora Journeys, per connettere i viaggiatori più esigenti con l’oceano, se stessi e l’ambiente circostante e, attraverso la nostra lunga passione per il mare, per creare ricordi, e riconnetterli con ciò che conta di più nella loro vita».

 

 

A che tipo di clientela vi rivolgete?

«Attraverso un investimento significativo in ricerca globale, sondaggi, focus group e informazioni sui consumatori, Explora Journeys è stato creato per attrarre la prossima generazione di viaggiatori di lusso più esigenti. Sono più giovani di chi va in crociera di solito e hanno viaggiato molto. Mentre cercano esperienze di viaggio lente e che li facciano crescere, sono alla ricerca di nuove esperienze autentiche e altamente curate, apprezzano i tocchi personali e amano una vera connessione con gli altri, se stessi e l’ambiente circostante, consapevoli di voler lasciare un impatto positivo. Vediamo il nostro pubblico di destinazione in cinque gruppi; viaggiatori “nuovi alla crociera” così come il classico viaggiatore attivo, famiglie multigenerazionali, amici benestanti che viaggiano insieme e viaggiatori singoli. La nostra clientela proviene da tutto il mondo e cerca qualcosa che non ha mai avuto prima».

 

 

Quali sono le principali differenze tra Explora Journeys e una crociera di lusso?

«Explora Journeys è un marchio di viaggi di lusso europeo vivace, cosmopolita ma rilassato, creato nel cuore dell’ospitalità e del lusso svizzeri, a Ginevra. In quanto azienda a conduzione familiare, la famiglia Aponte Vago si impegna a creare un marchio davvero unico e la nostra pipeline di sei navi, due delle quali sono in costruzione, e un investimento di 3,5 miliardi di euro sottolinea questo impegno. Durante la creazione del marchio Explora Journeys, abbiamo anche investito in modo significativo nella ricerca e nell’intelligence dei consumatori, estendendoci a oltre 20.000 potenziali ospiti negli Stati Uniti, nel Regno Unito, nell’Europa occidentale, in Giappone e in Cina, per creare un approccio incentrato sul cliente che è parte essenziale della nostra strategia.

 

La differenziazione, quindi, è stata in prima linea nella creazione di Explora Journeys. Ci distinguiamo per cinque elementi centrali: design, spazio, scelta, destinazioni ed esperienze di destinazione con la sostenibilità intrecciata in ogni punto di contatto. Il design delle navi deriva dalle nostre radici familiari europee che bilanciano intimità e vivacità, utilizzando un linguaggio di design moderno e cosmopolita di lusso, ma allo stesso tempo semplice. Abbiamo collaborato con i più importanti designer di superyacht e ospitalità del mondo, come Martin Francis, con decenni di esperienza di lavoro su alcuni dei superyacht più iconici. La nostra flotta è stata accuratamente progettata per rendere chiaro il nostro approccio incentrato sul cliente: di soddisfare e superare le esigenze dei viaggiatori di lusso, sia le loro esigenze immediate ma anche quelle dei nostri futuri ospiti».

 

 

«Per quanto riguarda lo spazio, Explora Journeys presenta uno spazio e una privacy senza rivali con uno dei rapporti ospiti-spazio e ospite-ospite più alti del settore. Le destinazioni raggiunte sulle navi di Explora Journeys offriranno una miscela perfetta di destinazioni famose e porti meno frequentati, con esperienze autentiche, guide esperte e un’immersione più profonda nella cultura locale, nel rispetto delle destinazioni e delle loro comunità. L’elemento di scelta si riflette attraverso undici esperienze culinarie in sei ristoranti, così come le quattro piscine, le molteplici opzioni di intrattenimento tra cui scegliere a bordo e la moltitudine di itinerari disponibili per esplorare le destinazioni che visitiamo.

Offriremo la perfetta combinazione di celebri destinazioni attraverso una lente diversa. Le nostre navi sono progettate per viaggiare anche in località meno conosciute e fuori dai sentieri battuti, comprese due destinazioni Kastellorizo in Grecia e Saint Pierre in Martinica che non sono state visitate prima da navi da crociera. Concentrarsi su un ritmo di viaggio coinvolgente e più lento consentirà ai nostri ospiti di trascorrere più tempo in ogni destinazione o in mare. Infine, il nostro approccio orientato ai dettagli di esperienze di destinazione altamente curate e uniche nel suo genere ci distinguerà davvero dagli altri marchi di viaggi oceanici di lusso».

 

 

I viaggiatori di oggi sono molto sostenibili e consapevoli dell’impatto dei viaggi sull’ambiente, dove si trova Explora Journeys?

«Uno dei pilastri del nostro marchio è “Rispetto” e questo si applica a tutto ciò che facciamo, al pianeta e alle persone con cui interagiamo. Non basta più evitare di avere un impatto negativo sull’ambiente, ci concentriamo su un’efficace pianificazione della sostenibilità, massimizzando i benefici sociali ed economici per le comunità locali, valorizzando il patrimonio culturale, oltre alla semplice riduzione di qualsiasi impatto negativo. Nel lusso la sostenibilità è il nuovo artigianato.

Le nostre navi utilizzeranno le ultime tecnologie a supporto dell’ambiente, pur essendo pronte ad adattarsi a soluzioni energetiche alternative non appena saranno disponibili. Il progetto prevede l’accumulo di batterie per consentire la futura generazione di energia ibrida, nonché l’ultima tecnologia di riduzione catalitica selettiva (SCR), consentendo una riduzione delle emissioni di azoto del 90% e le nostre navi sono certificate RINA DOLPHIN. Costruito con capacità di alimentazione da nave a terra per evitare le emissioni di CO2 mentre è all’ormeggio e alimentato da gasolio marino a bassissimo contenuto di zolfo, questo è in linea con l’impegno della divisione crociere del Gruppo MSC di ottenere emissioni nette di gas a effetto serra (GHG) entro il 2050.

A luglio di quest’anno abbiamo annunciato la firma di un memorandum d’intesa con Fincantieri per la costruzione di altre due navi portando il numero totale della nostra flotta da quattro a sei. Queste altre due navi saranno alimentate a idrogeno e saranno dotate di una nuova generazione di motori a gas naturale liquefatto (GNL) che affronteranno il problema dello slittamento del metano e saranno inoltre dotate di tecnologie e soluzioni ambientali leader nel settore, tra cui un sistema di contenimento per idrogeno liquido che consentirà loro di utilizzare questo promettente carburante a basse emissioni di carbonio. Il carburante a idrogeno alimenterà una cella a combustibile da sei megawatt per produrre energia senza emissioni per il funzionamento dell’hotel e consentire alle navi di funzionare a emissioni zero mentre sono in porto, con i motori spenti. EXPLORA III e IV saranno ora alimentate anche a GNL».

 

 

Quanto è coinvolta la famiglia Aponte Vago nello sviluppo del marchio Explora Journeys e delle sue navi?

«La nostra missione deriva dalla visione di lunga data della famiglia di creare un’esperienza di viaggio di lusso diversa che ridefinisca il viaggio oceanico. Il loro coinvolgimento è stato determinante e molto pratico durante tutto il processo. La famiglia è attivamente coinvolta in ogni aspetto del marchio e nello sviluppo della nave. Ad esempio, la famiglia ha lavorato meticolosamente in collaborazione con alcuni dei più importanti designer e architetti di superyacht, interni e ospitalità di lusso al mondo per sviluppare non solo il design esterno della nave, ma anche per curare il design delle suite, degli attici e delle residenze a bordo, per creare lussuose “Case in mare”. Il design riflette il loro incredibile occhio per i dettagli e la visione per il futuro, insieme alla filosofia del marchio di creare uno stato mentale oceanico, grazie a luce, colore, spazio, privacy e connessione con il mare.  È un’esperienza meravigliosa lavorare a stretto contatto con una famiglia che ha un patrimonio marittimo così ricco e una comprensione innata del lusso e delle esigenze dei consumatori. La loro passione e dedizione per Explora Journeys garantiranno la creazione di una fuga oceanica come nessun’altra».

EXPLORA I viaggerà per la prima volta a luglio 2023.

 

 

Print Friendly, PDF & Email
Articolo precedenteGenova: oggi si conclude “Orientami” 2022
Prossimo articoloIl Nord Italia beneficerà di nuovi impianti solari grazie a Unicredit