Nomadi digitali: trend passeggero o rivoluzione storica?

1780
(© Patrizio Ambrosetti)

Un termine coniato nel 1997, quando Tsugio Makimoto e David Manners, scrissero un libro che parlava di questo movimento di persone del futuro

Esplorando il mondo del nomadismo digitale, la nostra guida è Patrizio Ambrosetti, editor in chief di NOMAG, esperto di nomadismo digitale.

NOMAG è una nuova piattaforma media, la cui missione è quella di ispirare i futuri 100 milioni di nomadi digitali. Aiutarli con suggerimenti ad hoc, consigli e magari anche tanta ispirazione per supportarli nel passo più importante: chiudere la valigia e iniziare il viaggio.

 

(© Patrizio Ambrosetti)

 

Essere nomadi digitali è una scommessa: significa avere la libertà di lasciare tutto quello che abbiamo e viaggiare di Paese in Paese con un piccolo bagaglio. Molti hanno iniziato tanti anni fa e non si sono mai fermati. Altri, durante il cammino, si sono innamorati di una nuova città e hanno deciso di stabilirvisi. Con una certezza: il futuro ci riserverà grandi cose.

Articolo pubblicato su Millionaire di settembre 2022

Print Friendly, PDF & Email
Articolo precedenteYounited offre prestiti fino a 1.000 euro entro 24 ore
Prossimo articoloSolo il 36% degli italiani userebbe un’App quando si tratta di istituti finanziari