Quell’incontro con Mark Zuckerberg mi ha cambiato la vita

3957

È riuscito nell’impresa di vendere la sua startup a Facebook per una cifra che non è stata svelata. Ma che certamente conterrà molti zeri.

Andrea Vaccari, 30 anni, veronese, è la mente di Glancee, app che aiuta persone con interessi simili a incontrarsi durante eventi o serate in locali:

Ho girato per sei anni in varie città degli Stati Uniti e, a ogni spostamento dovevo ricostruire il mio cerchio d’amicizie. Una sera, con l’iPhone in mano, ho cercato un’App per scoprire se a un evento o un locale ci fosse qualcuno che conoscevo o con interessi simili ai miei. Un’App così non esisteva, così ho deciso di costruirla» spiega Andrea.

Dall’idea passa alla progettazione: cinque mesi in uno scantinato con tre amici, tra cui Alberto Tretti, il cofondatore. Investono 100mila euro e perfezionano il prodotto studiando la concorrenza.

La svolta arriva inattesa qualche mese dopo: su TechCrunch, uno dei blog più influenti della Silicon Valley, si parla di un prodotto simile, con importanti finanziatori alle spalle, ma non si menziona Glancee.

È allora che Andrea scrive un commento furioso che diventa virale. il giornalista se ne accorge e cerca di saperne di più. Ne esce una storia che non passa inosservata.

Tra i lettori Mark Zuckerberg che vuole incontrarlo:

Il primo appuntamento con Mark Zuckerberg è stato come uscire a cena la prima volta con una persona e accorgersi subito che c’è sintonia».

Oggi lavora nel quartiere generale del social network a Menlo Park come Product Manager, coordina un team di 10 ingegneri. Ha un contratto d’oro ricco di benefit e sta studiando un progetto nuovo che Facebook lancerà nei prossimi mesi:

Quando arrivi in Silicon Valley non sei nessuno. C’è una competizione enorme. Reti di conoscenze di cui non fai parte. Più di tutto, è importante essere umili, bussare a tutte le porte e stare focused. Come fa Mark, che a oggi guida una golf e rimane personalmente coinvolto su ogni prodotto sviluppato a Facebook».

INFO: http://andreavaccari.com/

Eleonora Chioda

Print Friendly, PDF & Email
Articolo precedente5 domande per scoprire la tua vera passione
Prossimo articoloHome business: un vino di successo che nasce nel garage di casa

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.