C’è crisi? Me ne vado ad Amsterdam!

15
10213

La tentazione, in tempi di crisi, viene a molti: “Mollo tutto e vado a…”

Prima di decidere di trasferirsi in un altro Paese, però, occorre prepararsi e conoscerne opportunità e limiti. Millionaire di novembre 2012 ha raccontato le storie di chi è riuscito a trasferirsi in Olanda.

Primo punto a favore dei Paesi Bassi, la retribuzione: più elevata del 30% rispetto all’Italia, secondo Gigi Picazio, informatico “olandese” da quattro anni. Il reddito pro capite è di 36mila euro annui, ben 10mila euro in più di quello italiano, secondo Johan S. Kramer, console generale del Regno a Milano.

Nonostante la crisi (il Pil è calato dello 0,75% nel 2012), l’Olanda resta il decimo paese più ricco al mondo e quest’anno è prevista una crescita dello 0,6%. La disoccupazione, poi, ha un tasso del 6,5%: metà della media europea.

I limiti non mancano: al momento nel Paese è in atto quella che gli osservatori chiamano “bolla” immobiliare e, secondo Picazio,

il mercato è saturo di spagnoli, greci e anche italiani. Per loro è di sicuro più difficile di quanto sia stato per me.

Le porte per chi vuole fare impresa sono spalancate.

Kramer ricorda:

Secondo il World Economic Forum, i Paesi Bassi sono il settimo miglior posto al mondo dove investire.

Roberto Coletti, fondatore e proprietario di una gelateria di successo a Utrecht, conferma:

La burocrazia è più snella: per aprire un’impresa bastano un pomeriggio e 120 euro. Lo Stato aiuta gli imprenditori, consentendo per i primi tre anni di non pagare tasse.

Menzione particolare per le infrastrutture: l’auto non è necessaria e si va in giro sui mezzi pubblici o in bici. Le imprese sono favorite dalle ottime strutture logistiche, a cui si aggiungeranno, entro la metà di quest’anno, le autostrade “smart”: assorbono l’energia solare durante il giorno e illuminano il manto stradale durante la notte.

 

Le altre storie, i settori più redditizi e tutti i consigli utili su Millionaire di novembre.

Redazione

Print Friendly, PDF & Email

15 Commenti

  1. Salve sono un imprenditore italiano, ed ho intenzione di investire nel mercato oladese.
    Durante le mie visite ad Amsterdam ho notato che l’acqua è molto costosa se comprata in bottiglie, una delle mie aziende tratta macchinari depuratori d’acqua a osmosi inversa, io credo che possa essere molto utili ai cittadini di Amsterdam.
    Cosa ne pensate? secondo voi può essere una buona idea aprire una sede al centro di Amsterdam? che difficoltà potrei incontrare? grazie anticipatamente.

  2. Salve, sono una ragazza di 33 anni italiana, vivo e lavoro a Padova, come commercialista. Vorrei comprare casa ad Amsterdam a titolo di investimento con un massimo di 100.000 euro. In italua fino al 31.12.2015in Italia ho una tassazione agevolata sul reddito del mio lavoro (emetto fattura a fine mese ad uno studio per cui non sono dipendente a tempo indeterminato). La mia idea e’ quella di sfruttare questa tassazione fino al 2015 quindi stare in Italia. Dal 2016 potrei anche trasferirmi ad Amsterdam. Secondo voi c’è possibilità’ di lavorare negli studi commercialisti ad Amsterdam?! È’ una buona idea quella di comprare un appartamento max 100.000 e di pagare la rata del mutuo con l’affitto?! Sempre che la banca mi conceda il mutuo.

    Grazie in anticipo

  3. Salve,
    vorrei informazioni sui problemi che sorgono per aprire un’atività di ristorazione ad amsterdam,non riesco tramite ricerche su internet ad avere un quadro chiaro.
    Vi sarei grato se riuscite a darmi qiualche dritta.Grazie e buon lavoro.

  4. Salve mi chiamo Paolo ho 40 anni ed ho una voglia matta di avviarmi totalmente ad una nuova esperienza di vita.
    Avrei scelto una destinazione definitiva,parlo dell’Olanda.
    Nei miei trascorsi 40 anni in Italia ho sempre creato la mia imprenditoria viaggiando tra svariati settori,senza mai usufruire di servizi sussidi e tutto ciò che riguarda la gestione statale.
    Circa 6 anni fa’ ho fatto un grosso investimento nel settore della ristorazione aprendo uno tra i piu particolari locali esistenti nella piazza.
    Purtroppo la burocrazia si e’ manifestata come il mio piu’ reale problema,impedendo me e tutti i collaboratori l’andamento verso la serenità,bensì ostruendo il percorso lavorativo.
    A seguito tutto il resto e’ veramente diventato un susseguire tra problemi e mal’umori.
    Purtroppo il mio carattere mi impedisce di scendere a compromessi motivo per cui ho creduto che questo investimento avrebbe avuto breve vita.
    Un paio di anni fa’ ho deciso di chiudere attività conservando tutta la strumentazione di nuova generazione,parlo di …….Cucina ristorazione completa da cottura lavaggio refrigerazione aspirazione e attrezzature interne ed esterne,come tavoli sedie ed tant’altro.ovviamente anche tutta la zona barman con frigo vetrina lunga 13 metri macchinari per la formazione del ghiaccio e anche 288 corpi illuminanti in rgb……!!!
    La domanda e’ ….!!!
    Se volessi aprire qualcosa ad Amsterdam da dove dovrei cominciare??
    Lo stato e’ d’aiuto oppure come …………..!!!!!!
    Esiste una rete organizzata malavitosa da impedire il proprio lavoro??
    Vale la pena cambiar vita credendo realmente ad una miglioria???
    Ebbene sarei pronto a ricominciare!!!
    Mi date una mano a saperne di piu??
    Ciao grazie.

  5. Rispondo a Matteo, la tua idea è molto bella, è vero che l’acqua in bottiglia costa molto, questo è dovuto al fatto che il mercato dell’acqua minerale non è abbastanza grosso come in Italia, il fatto è dovuto che in olanda dai rubinetto esce un’acqua molto buona e gradevole.
    Ciao
    Piero
    http://www.myamsterdam.it

  6. Salve, sono Rosalba, vivo in Sicilia e avrei pensato di aprire una piccola attività di ristorazione a Den Haag per mio figlio che studia appunto a Den Haag.. Premesso che non ho mai aperto attività di alcun tipo e meno che mai in Olanda, avrei necessità di conoscere quali sono i passi da fare per iniziare un’attività imprenditoriale nei Paesi Bassi a partire dalla residenza, se è necessaria, o anche avere dei link che possano guidarmi in tal senso.
    Ringrazio peer l’aiuto che potrete offrirmi

  7. Salve sono Nadia ho 24 anni e vivo nel sud Italia precisamente in provincia di Reggio calabria sono laureata in scienze politiche e studi delle relazioni internazionali; stavo pensando con il mio fidanzato di trasferirci dalla nostra terra in quanto nn offre lavoro ai giovani e pensavo, all’olanda, secondo voi un bar funzionerebbe?

  8. Buongiorno mi chiamo Alessandro, vorrei sapere se in Olanda esistono degli incentivi o dei fondi per giovani che vogliono aprire un attività da zero.
    Grazie mille

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.