Food is the new Internet: chi lo cavalca vince

0
2827

Foodtech e agritech nei prossimi anni esploderanno, e le startup che nascono intorno a questi temi possono creare uno sviluppo economico senza precedenti, come è avvenuto per le startup di Internet di fine anni 90.

Da una parte, il cibo: un argomento chiave per la sopravvivenza del Pianeta e la salute delle persone, intorno al quale ruotano questioni come scarsità delle risorse, aumento della popolazione mondiale, problemi legati all’ambiente, ricerca di cibi sempre più sani e sostenibili. Dall’altra, le nuove tecnologie, che consentono di risolvere molti di questi problemi. Chi intraprende in questo settore risponde a richieste crescenti da parte del mercato e dell’intera società.

Ma quali sono le direzioni verso le quali muoversi per chi volesse lanciare una startup?

In edicola e in radio

Sul numero di giugno di Millionaire trovate preziosi consigli sulle aree del Foodtech nelle quali intraprendere, e interviste ai tanti innovatori che si stanno muovendo in questo campo. Come Martina Olivieri, 36 anni, di Ascoli Piceno, che con Ambrosiae produce barrette, cereali con il metodo del raw food: un modo di processare gli ingredienti crudi non cuocendoli ma essiccandoli, cioè tenendo la temperatura sotto i 42°. O Harald Cosenza, 25 anni, ex studente di Ingegneria, che ha creato Linfa, una miniserra nella quale coltivare a casa insalata, pomodori e germogli con la tecnica idroponica.

E non è tutto… di Foodtech parleremo anche domenica 4 giugno alle 12,15 su Radio Monte Carlo, ospiti di Rosaria Renna. Non perdete questa occasione! Stay tuned!

Print Friendly, PDF & Email

Contents

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.