Il lavoro non c’era. Me lo sono inventato

3725

Aveva un sogno, fare la giornalista. Ha trovato una nicchia, l’ha seguita con determinazione e ce l’ha fatta. Chiara Besana, 30 anni, wedding blogger, editore e stilista di abiti da sposa, ha fatto tutto da sola.

Nel 2008 entra nella redazione di Tgcom24 per uno stage. Inizia a occuparsi di wedding per caso. Il direttore di allora, Paolo Liguori, da subito dimostra di credere in lei. Ma lo stage scade. Per il blocco delle assunzioni, non le viene rinnovato il contratto. Chiara decide di sfruttare quel tempo per sposarsi. Ed ecco l’idea: “Perché non fai un blog sul wedding e racconti come si prepara un matrimonio?” le consiglia il direttore. Detto, fatto.

chiara besana 2

Nel 2009 nasce Oggi Sposi, un blog curioso ma autorevole. Liguori, prevedendo il boom sul tema, lo inserisce tra i blog di Tgcom 24. In poco tempo Oggi Sposi diventa il più seguito del settore: Chiara ha soli 24 anni e raggiunge 55mila utenti unici al giorno. «A quel punto ho capito di aver trovato la mia strada. E con l’aiuto della famiglia ho investito 20mila euro e creato una free press di wedding e style. Carta patinata, 5mila copie distribuite a Milano e provincia, raccolta pubblicitaria del settore» racconta Chiara.

11016815_10155447674200702_2535267669099588368_o

Intanto, la stampa si appassiona alla storia professionale di Chiara. «Così mi hanno proposto la conduzione del programma, Non solo Wedding su Sky e i corsi alla scuola di formazione Komax».

395247_10151668308760638_1842766533_n
©Michele Dell’Utri Studio

Poi arriva la grande crisi del mercato pubblicitario. Chiara è costretta a chiudere la free press, ma non si arrende. Scrive il romanzo La casa dei matrimoni (Valentina Edizione) e, instancabile, partecipa a eventi di settore. Conosce Massimo Panuccio, stilista a capo di Sartoria Massimo, e disegna con lui la prima capsule Collection. «È stato un lavoro divertente e stimolante. Gli abiti costano da 2mila euro. Ho una percentuale su ogni capo venduto, ma la cosa più bella è che altri brand mi stanno chiedendo di collaborare».

Un consiglio ai giovani? «Amo il mio lavoro e non ho mai smesso di credere nei sogni. Ho cercato di guardare il mondo con curiosità, attenzione e sempre con il sorriso sulle labbra».

INFO: http://oggisposi.tgcom24.it/

Eleonora Chioda

Print Friendly, PDF & Email
Articolo precedente10 punti per un’economia digitale. I lavoratori del Web in Parlamento
Prossimo articoloCalcio in una bolla. Tre giovani importano in Italia il bubble foot

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.