C’è impresa senza formazione?

1620
COVER STORY

È il momento di ripartire. Il mercato del lavoro è alla ricerca di profili ad hoc. Indispensabile la formazione. Quella più innovativa crea professionisti di successo. E occasioni di business

Scuola? No, impresa! E il 50% dei lavoratori è chiamato a fare reskilling (riqualificarsi e aggiornarsi) e upskilling (compiere un upgrade delle proprie competenze). Per i più giovani, è fondamentale un orientamento lavorativo che tenga conto, insieme ad attitudini e aspirazioni, anche delle offerte di lavoro. Il lavoro in realtà non manca, quello che è carente sono i lavoratori.

cover story

Quelli qualificati, almeno. A tutti sono richieste competenze basic, ma chi ne ha di avanzate può fare il salto di qualità. Sempre più ricercati i profili legati al digital. Ma sono svariati i settori in cui si va a caccia di profili adeguati: fintech, educazione, marketing, coaching… La fame di formazione è evidente. L’opportunità da cogliere è quella di offrire corsi in linea con le esigenze del mercato a un pubblico sempre più vasto di privati e aziende.

Articolo pubblicato su Millionaire di settembre 2022

Print Friendly, PDF & Email
Articolo precedenteIn arrivo i due eventi più attesi della Bocconi di Milano
Prossimo articoloPaolo Cevoli: ottimismo e leggerezza come base del successo