“Mio nonno Francesco Amadori è come Steve Jobs”

0
4716
Amadori
Francesca Amadori, direttore comunicazione di Amadori

Francesca Amadori, 40 anni, è la responsabile corporate communication della Amadori, l’azienda avicola creata dal nonno quasi 50 anni fa, che oggi dà lavoro a 10mila persone e fattura un miliardo di euro.

Come è organizzata ora? «Restiamo un’azienda a impronta familiare, ma abbiamo un board manageriale. Il nostro Ad è esterno». I quattro figli del fondatore hanno fatto scelte diverse: due lavorano in azienda e due altrove. Anche Francesca ha fatto esperienze in altre aziende prima di iniziare il suo percorso qui, 11 anni fa.

Dai polli alle T-shirt

L’iniziativa più recente e di successo di Francesca nasce quasi per caso. «Per gratificare i nostri dipendenti, molto affezionati all’azienda, abbiamo creato T-shirt con slogan divertenti e grafi che vintage». Le maglie piacciono anche all’estero. «Ampliamo l’assortimento e mettiamo in vendita i capi nei nostri negozi aziendali e online. Boom di vendite». Ma cosa c’entrano le magliette con i polli? In apparenza nulla. Ma hanno reso i dipendenti brand ambassador, rinfrescato il marchio e incuriosito un pubblico più giovane. «Non è stata casuale la scelta della frase Stay foolish, don’t stay hungry (Sii folle, non restare affamato). Mio nonno ha molti aspetti in comune con Jobs. Anche lui è convinto che con impegno, intraprendenza e passione si possano realizzare i propri sogni. Mi ha sempre detto: “Un passo alla volta, sempre con i piedi per terra”. E mi incita a non sentirmi mai arrivata, ma sempre in viaggio verso la meta».

Comunica con il cliente

«Oggi, per restare competitivi, bisogna assecondare le esigenze del cliente con offerte ad hoc. Nel 1999 il pollo alla diossina in Belgio scoraggiava l’acquisto del pollo anche in Italia. Mio nonno è andato in tv a dire che non c’era pericolo. Eventi come questo ci hanno insegnato ad avere una comunicazione aperta e trasparente. Oggi non basta fare: bisogna anche informare, condividere, coinvolgere. L’ascolto avviene molto anche grazie ai social».

INFO: www.amadori.it, https://original.amadori.it

 

Tratto dall’articolo «Se ce la fai in Italia ce la fai ovunque»  pubblicato su Millionaire di settembre 2017. Per acquistare l’arretrato scrivi a abbonamenti@ieoinf.it

Print Friendly, PDF & Email

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.