Ecco l’azienda italiana che ha conquistato Elon Musk e Richard Branson

1
1275
Foto Sitael

Prima Richard Branson, ora Elon Musk. Così l’italiana Sitael conquista i grandi imprenditori dello spazio.

6 luglio. Richard Branson vola a Mola di Bari per incontrare la Sitael, con la quale ha concluso ben due accordi. Il primo riguarda il lancio, attraverso la costruzione da parte di Virgin Orbit di un lanciatore specifico di piccoli satelliti, del primo satellite al mondo completamente elettrico, prodotto dalla Sitael. Il secondo consiste nella realizzazione a Grottaglie dello spazioporto, da dove partiranno i voli suborbitali della Virgin Galactic. Prime partenze dall’Italia nel 2021 (mentre quelle dal deserto del Mojave inizieranno nel 2019).

3 dicembre. La SpaceX di Elon Musk lancia un razzo Falcon 9 dalla Vandenberg Air Force Base, in California, e mette in orbita un satellite costruito dalla Sitael. A 575 chilometri dalla Terra, Eseo (European Student Earth Orbiter) testa le tecnologie per le future missioni dell’Agenzia spaziale europea (Esa). «Dietro questi risultati importanti, c’è sempre il talento, la passione e la determinazione di uomini e donne intraprendenti e visionari» ha commentato Vito Pertosa, fondatore del gruppo Angel, di cui fa parte la Sitael.

A guidare la società aerospaziale è Nicola Zaccheo, 51 anni, pugliese, una laurea in Fisica e un periodo negli Stati Uniti al California Insitute of Technology.

Ci racconta i suoi inizi?

«Ho fondato la mia prima azienda spaziale a Viareggio nel 1994, la Airbus ci stava acquisendo quando nel 2009 ho incontrato Vito Pertosa, un imprenditore visionario (oggi a capo della holding Angel, che comprende oltra alla Sitael altre aziende nel settore ferroviario e nell’aviazione, ndr) che voleva diversificare le sue attività investendo nel settore spaziale. Mi ha messo a disposizione un’intera azienda e mi sono trasferito a Mola di Bari. In questi anni abbiamo acquisito un’azienda di propulsori di Pisa, poi l’Alena Space di Forlì. Oggi tutte queste aziende sono divisioni della Sitael. Abbiamo 350 dipendenti (in crescita) e altre 5 sedi».

Cosa producete?

«Piccoli satelliti, con peso da 50 a 300 kg, che rappresentano il futuro del mercato spaziale. Servono a fare osservazioni della Terra, per svariati motivi: monitoraggio ambientale, delle infrastrutture, telecomunicazioni. Servono addirittura a portare Internet in regioni remote, dove non è possibile arrivare con i cavi. Si tratta di prodotti ad altissima tecnologia. Ogni singola parte del satellite, dall’elettronica agli chassis ai propulsori, è costruita nella nostra azienda».

Chi sono i vostri clienti?

«Le agenzie spaziali di tutto il mondo: l’Agenza spaziale italiana, l’ESA, la Nasa, l’Agenzia spaziale giapponese. Non costruiamo solo satelliti, ma collaboriamo alla costruzione di sistemi per le diverse missioni spaziali, per esempio al sistema Sentinel dell’Esa il robot Curiosity per la stazione meteorologica su Marte, o il sistema Ams per il Cern. Negli ultimi anni stanno emergendo nuovi attori, aziende private che utilizzano i satelliti per scopi commerciali».

Chi lavora da voi?

«Più dell’80% sono ingegneri: aerospaziali, elettronici, meccanici. Laureati in Fisica e Matematica. E molti operai: anche loro devono essere molto specializzati, occorrono delle certifi cazioni da parte dell’Agenzia spaziale italiana e della Nasa che ogni anno devono essere rinnovate».

Come è avvenuto il contatto con Branson?

«Stavamo già lavorando da un paio d’anni con la Virgin Orbit, siamo stati tra i loro primi clienti perché hanno realizzato il primo lanciatore specifico per piccoli satelliti».

Che cosa lo ha convinto a siglare l’accordo con voi?

«Branson è rimasto sorpreso, oltre che per la bellezza della nostra regione, per l’esistenza di infrastrutture tecnologiche e per le competenze tecniche. Non ultimo, per la presenza di resort di lusso che per il business del turismo spaziale sono importanti. Basti pensare che l’altro spazioporto della Virgin Galactic si trova in un posto che si chiama Jornada del Muerto, nel deserto del Mojave, dove la città più vicina è a 4 ore di macchina».

INFO: www.sitael.com

 

Tratto dall’articolo “Arriva la Space Economy” pubblicato su Millionaire di ottobre 2018. Per acquistare l’arretrato scrivi a abbonamenti@ieoinf.it

Print Friendly, PDF & Email

1 COMMENTO

  1. Gentile Dott.Branson

    TEMA GITA NELLO SPAZIO
    E’ utile per conoscere i fenomeni ambientali e i cambiamenti climatici, non per il consumismo. Se avessi i soldi, li spenderei per il college delle 5 gemelle Busby che non possono permetterselo. Le gemelle Busby sono americane che è il paese del suo amico Trump. Lo studio e il sorriso di un bimbo sono gli obiettivi prioritari da raggiungere.
    Ha rischiato la vita sul Monte Bianco e l’attenzione per i bambini gli eviterà rischi analoghi. Una buona metodologia può unire questo obiettivo con il suo. Cordialmente Vittorio Zappella

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.