Vendo il kit per dolci alle nocciole

1
3129

Mariangela Stoppini, 28 anni, ha un’azienda agricola che coltiva 10 ettari a nocciole e organizza incontri “sul campo” per promuoverne la coltivazione.

Mariangela Stoppini, 28 anni, “agropasticciera”, è tra i finalisti agli Oscar Green 2016. Le nocciole sono l’ingrediente principale dei suoi dolci. Il noccioleto è casa sua, primo nato in Umbria in collaborazione con l’Università di Perugia. Ma lei, laurea in Economia e scienze sociali, le nocciole vuole promuoverle, portarle in giro per il mondo. Ha creato un kit per dar vita a piatti dolci e salati, con nocciole intere tostate, granella, farina, pasta e un ricettario, che si arricchisce grazie ai social.

«La nostra azienda coltiva 10 ettari a nocciole. Abbiamo inoltre 5 ettari a uva di sagrantino, un uliveto e un bosco con piante spontanee, funghi ed erbe aromatiche. L’impianto è stato realizzato 15 anni fa in collaborazione con l’Università di Perugia. Organizzo incontri “sul campo” per promuoverne la coltivazione. Fino a due fa anni ero l’unica produttrice di nocciole in Umbria, oggi sono aumentati. Nella casa di campagna, nel noccioleto, abbiamo realizzato l’Agriturismo Fonte Abellana (abellana è il nome arcaico di nocciola). Gli ospiti possono raccogliere le mie nocciole, l’uva e altri tipi di frutta».

Com’è nata l’idea del kit?

«Volevo esprimere la mia passione per la preparazione di dolci. “Delizie alle nocciole” contiene quattro confezioni con gli ingredienti base per realizzare ricette dolci e salate. In un periodo in cui sempre più si utilizzano cibi già pronti, questa confezione riconnette l’uomo con la terra e con la propria creatività. Il kit costa 5 euro, l’investimento iniziale per realizzarlo è stato modesto. Anche perché alcune lavorazioni le prendo dalla Cooperativa dei Colli Cimini e Sabatini, cui conferisco parte del raccolto. Sogno di lavorare completamente la materia prima in loco. Nel sito pubblicherò le mie ricette e quelle degli utenti. Grazie alla mia coltivazione il mio paese, Bevagna, è stato iscritto all’Associazione nazionale Città della Nocciola. Organizziamo anche la festa della nocciola, quattro giorni di convegni, degustazioni e gare di torte».

Investimenti?

«Modesti, in questa prima fase. La vendita per ora è locale, ma punto alla grande distribuzione di qualità. Il prezzo è contenuto e accessibile a tutti. Tra qualche anno, i produttori aumenteranno e forse otterremo un IGT per la nostra nocciola. Tante persone mi raggiungeranno, dal Piemonte alla Sicilia, accomunate dalla passione per la coltivazione di questa pianta. Ma ho tante altre idee da realizzare con le mie nocciole».

INFO: www.agriturismoabellana.it

Tratto dall’articolo di Silvia Messa “7 Storie di straordinaria agricoltura” pubblicato su Millionaire di marzo 2017.

Print Friendly, PDF & Email

1 COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.