“Voli gratis con Ryanair”. Il progetto di Michael O’Leary

0
6032

Per offrire voli a costo zero, la compagnia irlandese vorrebbe stringere accordi con ristoranti, bar e negozi degli aeroporti e ottenere una parte dei loro ricavi.

Far volare gratis i passeggeri entro i prossimi 10 anni. È la missione ambiziosa di Michael O’Leary, Ceo di Ryanair.

«La nostra sfida per il futuro è di abbassare le tariffe aeree sempre di più», ha dichiarato alla conferenza della Airport Operators Association, a Londra. «Ho questa visione che nei prossimi 5-10 anni i biglietti Ryanair saranno gratuiti, i voli saranno pieni, e noi guadagneremo dalla condivisione dei ricavi aeroportuali, da tutte quelle persone che transitano negli aeroporti, ottenendo una quota dei ricavi di vendita degli aeroporti».

Per offrire voli a costo zero, la compagnia irlandese dovrebbe stringere accordi con ristoranti, bar e negozi degli aeroporti e ottenere una parte dei loro ricavi. Ma, prima di ogni cosa, dovrebbero essere eliminate le tasse aeroportuali, che incidono sul costo finale del biglietto.

«Credo che accadrà. Non nei grandi scali. Ma nella maggior parte degli aeroporti che sono alla ricerca di maggiore traffico, il processo è già iniziato, con l’abbassamento delle tasse», ha spiegato O’Leary. Oggi «gli aeroporti sono come dei centri comerciali, quindi non capisco perché dovremmo essere tassati perché portiamo persone ai negozi».

Chi è Mr Ryanair

Michael O’Leary è uno dei maggiori innovatori del mercato aereo. Ma come ce l’ha fatta?Terminati gli studi, lavora come contabile in un’azienda. Lì conosce Tony Ryan, un cliente che aveva costruito un piccolo impero, noleggiando aerei alle compagnie di bandiera. Lasciato il posto fisso, si mette in proprio con un’edicola. «Così ho imparato come si gestisce un’impresa». In tre anni incassa 250mila euro. È a quel punto che bussa alla porta di Ryan che intanto aveva aperto una compagnia aerea.

Pur di essere assunto, O’Leary si offre a stipendio zero: unico guadagno è il 5% sugli introiti che derivano dal suo lavoro. Il suo compito: scoprire perché la compagnia fosse in perdita malgrado l’aumento dei passeggeri. Le sue strategie, dall’abbattimento delle spese aziendali all’introduzione dei voli low cost, si rivelano vincenti. Nel 1994 l’irlandese è già riuscito a strappare una compagnia aerea dal fallimento portandola, in soli sei anni, a profitti plurimilionari. Leggi qui la storia completa di Michael O’Leary.

Print Friendly, PDF & Email

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.