“Vuoi essere un leader? Punta sulla fantascienza”

0
2003
Foto da Facebook Eliot Peper

La tesi di Eliot Peper, scrittore e consulente aziendale statunitense: «La fantascienza è interessante perché presenta realtà alternative plausibili».

Per guidare un’azienda, far tesoro del passato aiuta, ma in un’epoca di accelerazione tecnologica guardare avanti è meglio. E cosa c’è di più avanti della fantascienza? A sostenere la tesi è Eliot Peper, scrittore e consulente aziendale, autore di un saggio pubblicato sulla Harvard Business Review.

«Non pensiamo solo ad alieni e navicelle spaziali. La fantascienza è interessante perché presenta realtà alternative plausibili, ci aiuta a confrontarci non solo con quello che pensiamo, ma anche con come pensiamo e perché. Rivela quanto è fragile lo status quo e come può essere malleabile il futuro».

Qualche esempio? Il telefono cellulare compare già nella serie televisiva Star Trek. Quello che poi diventerà il Kindle c’è già nel libro L’era del diamante di Neal Stephenson, a cui Jeff Bezos non ha mai fatto mistero di essersi ispirato. In Minority Report come dimenticare la scansione oculare fatta a Tom Cruise per indirizzargli messaggi ad hoc? Non succede più o meno lo stesso oggi, grazie alla profilazione sui social? Ecco perché le grandi aziende americane usano come consulenti gli scrittori di fantascienza. E ai leader si consiglia di leggere più che i saggi di economia i romanzi di genere.

«La fantascienza ci offre delle scorciatoie cognitive per dare un senso al mondo. Ci rende più efficienti e produttivi» conclude Peper.

Info: www.eliotpeper.com

Print Friendly, PDF & Email

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.