Zucchero Fornaciari: «La campagna mi ha salvato la vita»

4831
Zucchero Fornaciari
Zucchero Fornaciari - © Daniele Barraco

Zucchero Fornaciari, artista di successo, 60 milioni di dischi venduti, oggi vive in un luogo incantato. Ha recuperato un borgo, quasi per caso. Lo abbiamo intervistato.

«Sull’Appennino Tosco-Emiliano c’è un borgo medioevale dove ho trovato un vecchio mulino diroccato. Era abbandonato in una valle verde. Guardandolo ho capito che lì potevo rinascere».

Zucchero Fornaciari, 64 anni, 60 milioni di dischi venduti, primo artista occidentale a esibirsi al Cremlino nel 1990, unico ad aver partecipato al Festival di Woodstock nel 1994, oggi vive in un luogo incantato. A Pontremoli, tra Liguria e Toscana.

Dopo aver suonato in 5 continenti, 69 Stati e 628 città, è qui che ha ricominciato a vivere. Recuperando un borgo, quasi per caso.

«C’è stato un periodo nella mia vita in cui ero a pezzi. Era l’inizio degli anni ‘90. Ero stanco per le pressioni dei tour e soffrivo di depressione per la separazione dalla mia prima moglie. Cercavo un posto dove stare».

Leggete l’intervista in esclusiva a Zucchero di Eleonora Chioda su Millionaire di aprile, ora in edicola.

 

 

Print Friendly, PDF & Email
Articolo precedenteHôtellerie a 5 stelle
Prossimo articoloSvizzera: il legame tra università e impresa crea innovazione

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.