fbpx

Come riconoscere se un testo è stato scritto da un’intelligenza artificiale

GPTZero è un software creato da uno studente universitario, capace di analizzare e riconoscere la differenza tra un testo scritto da AI o da un essere umano

 

Mentre le intelligenze artificiali, grazie all’imitazione di opere umane, diventano sempre più abili nel comunicare; qualcuno si sta adoperando per rendere riconoscibile un testo scritto da un’intelligenza umana rispetto a quello scritto da un AI.

Si chiama GPTZero ed è un’applicazione in grado di analizzare un testo e riconoscere se questo è stato scritto dal famoso bot, ChatGPT, oppure da una persona. A programmarla è stato Edward Tian, uno studente di informatica dell’Università di Priceton, il quale ha dato vita al perfetto alter-ego di ChatGPT.

L’obiettivo di Edward era quello di riuscire a combattere i casi di plagio collegati all’utilizzo delle intelligenze artificiali. Ma come può, GPTZero, capire chi ha scritto il testo in questione? Per farlo l’app assegna al testo un punteggio sulla base di due caratteristiche: perplessità e irruenza.

Questi due parametri serviranno al software per analizzare la complessità e la casualità dello stile e delle informazioni riportate; in questo modo l’app potrà effettivamente individuare l’origine del testo, definendolo artificiale o umano. Per mostrare il funzionamento del programma, Tian ha pubblicato due video su Twitter, confrontando un articolo del New Yorker con una lettera scritta da ChatGPT. In entrambi i casi, l’app è riuscita a individuare in maniera corretta l’origine dei due testi.

Un annuncio che ha fatto cadere i creatori di ChatGPT direttamente dalle nuvole, dato che anch’essi avevano in cantiere la scrittura di un software antiplagio. Soprattutto dopo che Google aveva lanciato un allarme sui pericoli legati all’utilizzo del bot conversazionale.

GPTZero ha quindi battuto sul tempo l’uscita del sistema antiplagio lasciando soltanto la polvere alla casa madre dell’intelligenza artificiale. Sarà l’inizio di una nuova battaglia in stile Instagram-TikTok? Il fatto che l’applicazione, disponibile solo in versione beta, sia già stata mandata in tilt per via del numero elevatissimo di utenti che hanno cominciato a usarla, è un chiaro assaggio del futuro.

 

BISS, l’azienda biotech italiana innovativa

ChemoMaker il robot che sostituisce i sistemi di vecchia generazione negli ospedali italiani come quello di Genova San martino, Trieste e Cremona   Da Trieste

La nuova direttiva sulla “Case green”

L’ obiettivo dell’unione europea entro il 2030 è di portare tutte le abitazioni presenti in Europa a una classe energetica E   Secondo la bozza

Il mondo delle criptovalute sta cambiando

Quello delle cripto è un settore in costante mutazione, caratterizzato da poca solidità ed estrema volatilità   Il 2023 è iniziato e si vedono già

SalentIA: la startup al servizio del territorio

Una startup innovativa nata dall’entusiasmo di 110 studenti di una scuola superiore di Lecce per promuovere la loro terra. Intelligenza artificiale e metaverso per incrementare

Calo del 35% di investimenti nelle startup

Come era già stato previsto all’inizio del 2022 gli investimenti in startup hanno registrato una forte frenata a livello globale   Secondo i dati appena

Volare a emissione zero ora è possibile

È stato effettuato il primo volo a zero emissioni. Si tratta di ZeroAvia, leader dell’aviazione a emissioni zero, che ha preso il volo con il

Hype ha un nuovo CEO

L’ex PagoPa Giuseppe Virgone guiderà la società verso un nuovo percorso di crescita   Giuseppe Virgone lascia PagoPA e diventa il nuovo CEO di Hype.

logo-footer
Il mensile di business più letto.

Direttore responsabile: Lionello Cadorin

Editore: Millionaire.it Srl Indirizzo: Largo della Crocetta, 2 20122 Milano (MI) Italy

Partita IVA: 12498200968 – Numero iscrizione ROC: 38684

© 2023 millionaire.it.