Holipay: prenota la tua vacanza oggi e paga domani

1175
Fintech App

Prenota ora, paga dopo

Non poteva capitare in un periodo migliore, con le vacanze alle porte e qualcheduna già cominciata, con i turisti italiani e non solo che si stanno approcciando alla prenotazione dei viaggi e a dargli sussidio potrebbe essere una nuova fintech italiana: Holipay, startup a cui si deve il merito di aver creato il primo algoritmo a livello mondiale per la gestione dei pagamenti delle vacanze.

Un aiuto non da poco, in tendenza con il book now, pay later, tradotto letteralmente in prenota ora, paga dopo. Il funzionamento è semplice, la piattaforma permette di prenotare un soggiorno e di pagarlo a rate con addebito sulla carta di credito senza interessi e senza commissioni. Al momento della prenotazione Holipay può essere selezionato come metodo di pagamento, un algoritmo procede poi al calcolo dell’ammontare delle rate, dividendo la somma da un minimo di 2 ad un massimo di 10.

 

L’ingresso di CRIF nel capitale della startup

Sempre attenta a ogni innovazione, CRIF, società multinazionale specializzata nella gestione delle informazioni creditizie con sede a Bologna, ha deciso di investire i suoi capitali in Holipay. La multinazionale italiana crede nelle buone potenzialità di Holipay, motivo per il quale è entrata nel suo capitale con una quota significativa. La startup ha difatti creato un sistema all’avanguardia capace di dividere la spesa di un viaggio, ma Holipay non si ferma qui.

La vision dell’azienda è quella di sostenere il turismo e le strutture del settore, provando ad agevolare tutta la fase di prenotazione, mettendo di comune accordo cliente e imprenditore, soddisfacendo le necessità di ciascuno, non limitandosi al territorio nazionale, ma ampliando l’utilizzo del proprio algoritmo a tutto il mercato turistico globale.

 

I successi sul campo

Dopo pochi mesi di attività, con la startup partita solo lo scorso febbraio, gli hotel hanno registrato fino al 39% di viaggiatori paganti con Holipay. Una possibilità scelta non solo dai turisti italiani, ma anche da quelli stranieri, dato che stimola sempre di più a volgere lo sguardo non solo all’Italia, ma all’intero mercato dei viaggi internazionali, mettendo l’innovazione dei sistemi di pagamento in primo piano.

Mattia Casadio, founder e Ceo di Holipay, ha commentato: «La scelta di CRIF di investire nell’esperienza di pagamento di Holipay rappresenta, a mio parere, un risultato importante per tutto il comparto turistico ed è un segnale chiaro e forte sulle tendenze future nel campo dei pagamenti in questo settore, oltre che sull’importanza che l’esperienza di pagamento avrà per sostenere le prenotazioni alberghiere. Ringrazio personalmente la proprietà e tutto il management di CRIF, è per me un grandissimo onore e piacere».

Print Friendly, PDF & Email
Articolo precedenteStephan Winkelmann: Lamborghini Man
Prossimo articoloAnnunci di lavoro: l’Italia è il paese delle retribuzioni fantasma