fbpx

Italia: l’ecosistema Fintech & Insurtech in continua crescita

L’osservatorio Fintech & Insurtech della School of Management del Politecnico di Milano conferma un alto livello di concentrazione nelle startup Fintech

 

Un settore che solo nel 2022 è stato in grado di raccogliere oltre 900 milioni di euro a fronte di un investimento complessivo in startup di 2,34 miliardi di euro. Sono 630 in totale le startup e scaleup che operano nei settori finanziari e assicurativi nel territorio italiano. Solo a Milano, il 69% degli investimenti complessivi è stato registrato nel settore fintech e insurtech.

“Nel 2022 la situazione geopolitica, l’inflazione crescente e l’aumento dei tassi di interesse, hanno rapidamente mutato lo scenario per il settore bancario e assicurativo – sottolinea Marco Giorgino, responsabile scientifico dell’osservatorio, – in un contesto di crescente complessità, non mancano i segnali positivi: cresce infatti il numero delle realtà e aumentano i ricavi, anche se le imprese innovative guardano ancora poco ai mercati esteri e non attirano stabilmente funding da attori internazionali.”

 

Il contesto europeo

A livello europeo, si arriva a contare fino a 1.392 startup, delimitando una crescita dell’81% rispetto al numero di startup fintech e insurtech presenti nel 2020. Complessivamente, negli ultimi 5 anni le startup del settore presenti nel territorio europeo, hanno raccolto una somma individuale di circa 25 milioni di euro a testa, per un totale di 35 miliardi raccolti. Se andiamo a vedere invece dove si concentrano maggiormente le startup in Europa, troviamo al primo posto il Regno Unito con il 38% delle startup del settore, seguito poi da Francia e Germania con un 11% e un 9%.

 

Modelli di business as-a-service

Dal report emesso dall’osservatorio, possiamo inoltre vedere quella che è la proposta delle attuali startup finanziarie. Nel 71% dei casi, queste si rivolgono esclusivamente a Pmi piuttosto che ai consumatori, a cui si rivolge solo il 39% delle startup. Solo il 10% offre servizi su entrambi i fronti. Un altro dato interessante che si nota all’interno del report è la crescente tendenza dei modelli “as-a-service”, ossia modelli di business smart e intelligenti, adottati oggi dal 75% delle startup/scaleup italiane. Tra questi spicca il banking-as-a-service, modello in cui un istituto finanziario, per esempio una banca, offre servizi in licenza a un secondo attore non autorizzato.

Il banking-as-a-service è un modello ricorrente anche tra le “challenger bank”, ossia le piccole banche che sfidano i colossi del settore. In Europa ormai sono 120 le banche digitali gestibili da app e smartphone, di queste 56 utilizzano una licenza di terzi, mentre 64 dispongono di un’autorizzazione propria.

“Il 2022 può essere definito come l’anno dei modelli as-a-service e in particolare del banking-as-a-service – spiega Laura Grassi, direttrice dell’osservatorio del Politecnico di Milano -, grazie a esso, le digital companies che non hanno una licenza bancaria, possono offrire ai propri clienti servizi finanziari digitali, come conti correnti online, soluzioni di pagamento, carte di credito, prestiti, assicurazioni e investimenti. Per il prossimo futuro ci attendiamo ulteriori sviluppi in cui attori non finanziari abiliteranno velocemente la loro base clienti a prodotti o servizi finanziari.”

Gli esperti inoltre, ricordano che quando il prodotto è direttamente integrato nei servizi di attori non finanziari, si parla di “embedded finance” o “embedded insurance”. Un esempio è quando si richiede un finanziamento direttamente dalla fase di acquisto di un prodotto su un e-commerce, oppure quando sottoscriviamo una polizza attraverso l’acquisto di un viaggio. Dalle stime si vede che circa il 45% dei consumatori italiani, prenderebbe in considerazione la sottoscrizione di una polizza durante il processo di acquisto di un viaggio, mentre il 65% prenderebbe in considerazione almeno una proposta assicurativa in logica embedded.

Questo ci fa comprendere che uno stesso prodotto, proposto in momenti diversi, può essere preso in considerazione soprattutto se associato a un prodotto caratterizzato da un’elevata desiderabilità.

BISS, l’azienda biotech italiana innovativa

ChemoMaker il robot che sostituisce i sistemi di vecchia generazione negli ospedali italiani come quello di Genova San martino, Trieste e Cremona   Da Trieste

Torino: l’incubatore delle startup

Come fare parte di OGR Tech e accedere ai programmi di accelerazione accanto ai giganti dell’innovazione   Un edificio industriale dismesso, una fondazione che ha

La nuova direttiva sulla “Case green”

L’ obiettivo dell’unione europea entro il 2030 è di portare tutte le abitazioni presenti in Europa a una classe energetica E   Secondo la bozza

Il mondo delle criptovalute sta cambiando

Quello delle cripto è un settore in costante mutazione, caratterizzato da poca solidità ed estrema volatilità   Il 2023 è iniziato e si vedono già

SalentIA: la startup al servizio del territorio

Una startup innovativa nata dall’entusiasmo di 110 studenti di una scuola superiore di Lecce per promuovere la loro terra. Intelligenza artificiale e metaverso per incrementare

Calo del 35% di investimenti nelle startup

Come era già stato previsto all’inizio del 2022 gli investimenti in startup hanno registrato una forte frenata a livello globale   Secondo i dati appena

Volare a emissione zero ora è possibile

È stato effettuato il primo volo a zero emissioni. Si tratta di ZeroAvia, leader dell’aviazione a emissioni zero, che ha preso il volo con il

Hype ha un nuovo CEO

L’ex PagoPa Giuseppe Virgone guiderà la società verso un nuovo percorso di crescita   Giuseppe Virgone lascia PagoPA e diventa il nuovo CEO di Hype.

logo-footer
Il mensile di business più letto.

Direttore responsabile: Lionello Cadorin

Editore: Millionaire.it Srl Indirizzo: Largo della Crocetta, 2 20122 Milano (MI) Italy

Partita IVA: 12498200968 – Numero iscrizione ROC: 38684

© 2023 millionaire.it.