fbpx
web internet del futuro

Il Web del futuro rende protagonisti

I giovani e la Rete: come blockchain, criptovalute e NFT regalano nuove opportunità

Si fa presto a dire Internet. Luca De Giglio, 50 anni ed esperienze in tutto il mondo, ce ne racconta almeno 3 versioni. «Fino al 2008 abbiamo il Web1: ci sono tanti piccoli siti, gli utenti leggono, ma pochissimi scrivono. Il Web2 è quello attuale: la Rete è in mano a grandi gruppi che hanno fatto forti investimenti, da Facebook a Google. Le persone possono sia fruire dei contenuti (testi, video, immagini…) sia produrli. Il passo avanti è rappresentato dal fatto che gli utenti ora hanno la possibilità di prendere la parola, il problema è che i contenuti non sono di loro proprietà, ma della piattaforma che li ospita. Il Web3 prevede una democratizzazione del fenomeno, in cui gli utenti diventano finalmente non solo protagonisti, ma anche proprietari a pieno titolo di ciò che mettono in Rete».

Sogno o realtà? E, se di realtà si tratta, quando si concretizzerà il Web3?

Per spiegarlo, facciamo con Luca un passo indietro. «Ho un’esperienza come commerciale all’estero. Nel 2000 inizio a viaggiare. A Praga, noto che i proprietari di appartamenti in affitto cercano clienti, aspettandoli in stazione con le foto delle loro case. Creo così dei siti per ospitare i profili delle case in affitto, città per città. Replico il servizio in varie città dell’Est. Su Google, diventiamo il primo risultato. Il mio obiettivo non è arricchirmi con le commissioni, ma finanziare il mio hobby di viaggiare. Sono stato il primo nomade digitale italiano e ho fatto questa vita per 8 anni».

Ma mentre Luca gira il mondo, a girare è anche il vento. «Arriviamo al 2008. Il crac della banca americana Lehman Brothers dà il via a una crisi economica mondiale. Nasce Airbnb, la piattaforma globale delle case in affitto».

Per De Giglio, è la fine di un’epoca, con il suo business che, dovendosi scontrare con un colosso, non ha la possibilità di sopravvivere. Così rivolge la sua attenzione alle nuove tecnologie.

«Prima studio le criptovalute e nel 2013 includo bitcoin fra i mezzi di pagamento per gli appartamenti. Nel 2017, poi, mi concentro su Ethereum, un sistema per creare delle App sulla blockchain. Da qui nasce l’idea di realizzare una piattaforma in cui gli utenti diventino proprietari e il progetto Trips Community».

I giovani sono i vincitori del Web3

«È una grande opportunità, che solo i più giovani sono in grado di cogliere appieno. Servono mente aperta, voglia di sperimentare e superare vecchi pregiudizi. Siamo stati abituati alla presenza di un’autorità centrale in grado di dare garanzie e autorevolezza. Ma con bitcoin, per esempio, non è più necessaria». Nascono così le Dao, Decentralized Autonomous Organization, cioè organizzazioni che sfruttano la blockchain per essere autonome e decentralizzate.

In futuro, il valore generato dalla Rete non sarà più solo nelle mani di pochi, sarà ripartito fra tutte le persone che collaborano a crearlo. «Le monete virtuali, i token, serviranno per acquisire una quota di proprietà, governance e controllo della piattaforma di cui si farà parte». L’attenzione di De Giglio si rivolge al settore del turismo e perciò scrive un libro: Come stanno cambiando Internet e le prenotazioni nel mercato extralberghiero (Flaccovio).

«Poniamo che io metta il mio appartamento su Airbnb. Nel tempo, colleziono mille recensioni positive. Poi, a un certo punto, subisco un deplatforming, cioè vengo estromesso da Airbnb. Conseguenza: perdo tutte le mie recensioni e la mia reputazione. Viceversa, nelle Dao, conservo tutto (account, annunci, recensioni, credibilità) nel mio wallet.

Grazie agli NFT sulla piattaforma OpenSea è possibile, per esempio, per un fotografo vendere le sue foto, conservandole nel suo wallet e non nel database della piattaforma».

Ma quando sarà operativo il Web3? «In alcuni ambiti già lo è. Per il turismo, dovremo aspettare ancora qualche anno. Ma il cammino è segnato. E il testimone passerà sempre di più agli Under 30. Sarà sempre meno strano vedere un 15enne che spiega al padre come ha guadagnato migliaia di euro online grazie al metaverso e alle criptovalute».

Bcode

Il tool no-code per creare progetti web3

Pensato per i digital marketer, rende la tecnologia utilizzabile da aziende e consumatori   Bcode è una startup spin-off del Politecnico di Milano attiva in

Il mondo delle criptovalute sta cambiando

Quello delle cripto è un settore in costante mutazione, caratterizzato da poca solidità ed estrema volatilità   Il 2023 è iniziato e si vedono già

ThinkingHat: AI al servizio della creatività

Intervista a Giuliano Ambrosio, alla scoperta dei tools più interessanti dell’Intelligenza Artificiale   “L’Intelligenza Artificiale, se compresa e usata con etica, aiuterà l’umanità a fare

Fakémon: non cliccare sul link!

Il finto gioco Pokémon che ti installa un virus   Attenzione! Il gioco di carte Pokémon non è un vero gioco, ma un malware camuffato

Juve e gli NFT falsi

La Juventus ha fatto causa a Blockeras accusandola di aver violato i marchi registrati del club in relazione ai NFT Blockeras.   La Juventus FC

Crypto: la Contrarian theory

Nei momenti di panico bisogna investire oppure vendere? Chi va controcorrente guadagna. Ma non tutti.   Il grande tormento dei mercati di questo periodo ci

Randstad Italia lancia il suo primo hub virtuale

Un luogo per incontrarsi e organizzare meeting per esperienze immersive e coinvolgenti.   Nonostante la repentina discesa di Meta, nuovi metaversi continuano a nascere di

Crolla il mercato degli NFT

Con continui crolli e ripide discese, la fine degli NFT sembra ormai inevitabile. Da inizio anno infatti, secondo quanto riporta CryptoSlam, portale specializzato in crypto

FTX bloccata in tutta Europa

L’agenzia di vigilanza cipriota ha sospeso a FTX l’autorizzazione di continuare ad operare durante il periodo di negoziazione fallimentare.   A seguito del fallimento di

Il più grande sequestro di criptovalute

La storia dell’uomo che l’ha fatta franca per 10 anni rubando bitcoin per un valore di oltre 1 miliardo di dollari.   Nel 2012, dal

logo-footer
Il mensile di business più letto.

Direttore responsabile: Lionello Cadorin

Editore: Millionaire.it Srl Indirizzo: Largo della Crocetta, 2 20122 Milano (MI) Italy

Partita IVA: 12498200968 – Numero iscrizione ROC: 38684

© 2023 millionaire.it.