La matita che si pianta e diventa un orto

5258
matita che si pianta sprout

Si chiama Sprout. È la prima matita “piantabile” al mondo. In legno, biodegradabile, al posto della gomma per cancellare ha un sacchettino di semi. Quando la matita è finita, li metti nel terreno e dopo una settimana nascono erbe aromatiche, fiori o verdure.

L’idea è di un gruppo di studenti del Mit. Cercavano finanziatori su Kickstarter. L’imprenditore danese Michael Stausholm la vede, acquista il brevetto e lancia la matita sul mercato trasformandola in un successo mondiale.

«Ho visto il potenziale con cui spiegare al mondo cosa significhi sostenibilità: prendi un prodotto, lo usi e quando hai finito, anziché buttarlo, lo trasformi in qualcos’altro. Non salverò il mondo piantando matite, ma la nostra missione è ispirare piccoli gesti quotidiani» ci ha raccontato.

L’intervista a Michael Stausholm, pubblicata su Millionaire di giugno 2020, è il regalo di oggi del nostro calendario dell’avvento. Ogni giorno, dal 1° al 24 dicembre, vi regaliamo un contenuto in pdf, da scaricare, leggere e conservare.

Scarica qui l’articolo in pdf: La matita che diventa un orto

 

Calendario dell’avvento:

1° dicembre – Spillover

2 dicembre – Generazione Z e lavoro

3 dicembre – Inside Silicon Valley: i segreti del fundraising

4 dicembre – Influencer marketing

Print Friendly, PDF & Email
Articolo precedenteLa startup AgroMateriae vince il Premio Nazionale per l’Innovazione 2020
Prossimo articoloDa Jules Verne a Elon Musk: così l’imprenditore di SpaceX ha dato gioia agli amanti del futuro

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.