Trucchi per cavarsela nella vita (i consigli dei nostri lettori)

3357
Professor of Philosophy Alan Fox in a McDowell Hall classroom. Photographed for a UDaily story about professor Fox receiving a national fellowship on how to teach philosophy.

A novembre 2015 abbiamo pubblicato un articolo tratto dal libro del guru e imprenditore americano Alan Fox: L’arte della prosperità (Vallardi, 13,50 euro). La casa editrice ha messo a disposizione 5 copie gratis. Ai lettori, per aggiudicarsene una, abbiamo chiesto di raccontarci il loro “trucco” per cavarsela meglio nella vita. Ci hanno risposto in tantissimi. Ecco alcune delle loro dritte.

«Il mio escamotage per cavarmela meglio nella vita è cercare di andare d’accordo con le persone positive che incontro ed evitare i rapporti con quelle negative che vedono sempre nero» Massimo, Milano.

«Faccio l’agente di commercio e all’inizio l’ansia dei no era parecchia. Allora, con determinazione, ho deciso che subito dopo aver ricevuto dei rifiuti, dovevo pensare al rapporto che ho oggi con clienti che all’inizio mi dicevano no. E così trovavo la forza e la grinta di riprovare e andare avanti con il sorriso» Davide, Gambellara (VI).
«Di mestiere organizzo corsi ed eventi per il settore della tecnologia e dell’innovazione. Il mio motto da sempre è “sperare il meglio, aspettarsi il peggio” cioè arrivare preparati a ogni eventualità» Dora, Reggio Emilia.

libro

«Quando devo superare un ostacolo, prendo del tempo per me, facendo attività sportiva all’aria aperta. Una camminata, una pattinata o una corsa mi libera la mente e mi ricarica. Al rientro mi sento già con una nuova energia e strategia per affrontare la difficoltà incontrata» Debora, Piacenza.

«Se sei una persona a cui vengono in mente tantissime idee e ogni volta ti sembrano fantastiche, fai come me: scrivile su un’agenda o nelle note del telefono e rileggile dopo un po’ di tempo. Almeno una settimana dopo. Se, scemato l’entusiasmo iniziale, le idee ti sembreranno ancora valide, allora potrai prenderle in considerazione. Altrimenti continua sulla tua strada» Alessandro, Sermide (MN).

«Uso la regola delle “3 M”:
– Mentalità positiva: essere pronti ad affrontare ogni nuova avventura o avversità, trovando i lati positivi.
– Motivazione: avere la determinazione di arrivare fino in fondo nel raggiungimento degli obbiettivi.
– Metodo: essere sempre preparati, pianificare e informarsi per ridurre al minimo gli inconvenienti» Maximilian, Bertinoro (FC).

«Quando davo ripetizioni ai ragazzini delle medie e superiori, soprattutto per le materie meno “simpatiche” come inglese e matematica, insistevo sull’utilità pratica per lo studente. Prima indagavo quali fossero loro interessi reali, tra cui spesso emergevano la musica e lo sport, e vi applicavo gli strumenti delle discipline più scomode. Per cui certe regole grammaticali inglesi le discutevamo sui testi del gruppo Linkin Park. Allo stesso modo, trovavamo il senso pratico negli studi di funzione con la lettura delle traiettorie dei cross nel calcio. Risultato: aumento dei profitti scolastici!» Francesco, Sondrio.

«Quando mi trovo a decidere in situazioni nelle quali mi sono già trovato, dove la decisione presa si è rivelata errata, mi stampo nella mente una parola: cambia! Fallo senza timori, in modo da non replicare un comportamento che probabilmente mi porterebbe a sbagliare di nuovo. Bisogna rompere gli schemi e le consuetudini che nella vita ci imbrigliano, aprire la mente al cambiamento, che è l’unica cosa che ci fa crescere e ci dà nuova linfa ed entusiasmo»! Alberto, Malaga, Spagna

«Il mio trucco per cavarmela nella vita? Chiudo tutti i problemi in delle scatole immaginarie e penso al tanto spazio libero da riempire con cose positive, guardando con sufficienza gli scatoloni ormai resi insignificanti» Catia, Trepuzzi (LE)

Redazione

Print Friendly, PDF & Email

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.