2031, torna il premio dell’innovazione: oltre un milione di euro per startup e Pmi

1075
premio 2031
Cristiano Seganfreddo, Presidente di 2031

«Non c’è tempo per attendere. Abbiamo tutto da ripensare e reinventare. Viviamo in tempi eccezionali dove le nuove idee sono fondamentali per dare un senso e una nuova forma al mondo che viviamo». Così Cristiano Seganfreddo, Presidente di 2031, lancia la nuova edizione del contest dell’innovazione, l’ex Premio Gaetano Marzotto, aperto a innovatori, startup, imprese già costituite. Il bando è online. Candidature fino al 14 luglio.

Dal 2010 ad oggi, il premio ha elargito oltre 10 milioni di euro, con 7000 startup attive e più di 500 application ogni anno.

La prossima edizione, organizzata da 2031 con Italian Tech, prevede 41 premi, tra quelli in denaro e i percorsi di affiancamento (per un montepremi totale di oltre un milione di euro), la partecipazione di 14 corporate e 26 incubatori, acceleratori, parchi scientifici e tecnologici.

Oltre allo storico Premio dall’idea all’impresa (50mila euro per la migliore impresa a impatto sociale), le startup partecipanti potranno aggiudicarsi percorsi e numerosi premi speciali in diversi settori, dall’energia al fintech, dalla salute all’agricoltura, dal digital alla moda.

Chi può partecipare

«Premio 2031 cerca nuovi imprenditori e costruttori di futuro che siano in grado di far convivere innovazione, impresa e società» spiega l’associazione.

La competizione è aperta a persone fisiche, team di progetto, startup, Pmi innovative. Può partecipare chi ha una nuova idea imprenditoriale, in grado di generare una ricaduta economica e un impatto positivo, con sede e base di sviluppo in Italia, ma capacità di crescita internazionale. Le idee proposte devono essere originali, innovative, attuabili e finanziariamente sostenibili.

Per candidarsi, basta compilare il form online sul sito www.2-0-3-1.com. Si concorre a più premi e percorsi attraverso un’unica application. La finale si terrà a dicembre 2022.

 

Print Friendly, PDF & Email
Articolo precedenteL’idea? Presentala nel modo giusto
Prossimo articoloLa startup di un italiano a Londra diventa un unicorno

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.