ADDIO, MR INDESIT!

0
4428
ME9

Vittorio Merloni se ne va. E ci lascia il modello della multinazionale tascabile, l’impresa italiana proiettata verso i mercati mondiali

 

Tecnologia e innovazione nell’industria degli elettrodomestici. Vittorio Merloni, Mr Ariston prima, Indesit poi, ci credeva. Nel ’92 aveva scritto ai vertici Apple, proponendo di realizzare insieme una rivoluzione nelle lavatrici, una “Lavintosh” che abbinasse meccanica e informatica.

Vittorio Merloni

I suoi progetti di profonda trasformazione non sono andati avanti, il settore si è contratto, e il suo gruppo è stato assorbito da Whirlpool.

Ma il suo modo di pensare e gestire l’impresa, il format delle multinazionali tascabili ha fatto scuola. La sua è stata un esempio di impresa medio grande, che sposava il radicamento territoriale con la visione globale, dove famiglia fondatrice e management coincidevano. Merloni si era ritirato dalla vita attiva dal 2010, ma l’azienda paterna di bilance e bombole del gas, che lui aveva trasformato, non l’ha lasciata mai. Produzione e azienda, per lui, venivano prima di finanza. Visitava ogni anno i suoi stabilimenti, in giro per il mondo.

L’occhio del padrone non deve mai smettere di seguire la sua impresa. Un insegnamento da non dimenticare.

 

Print Friendly, PDF & Email

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here