Airbnb dona 1 milione di euro per sostenere le dimore storiche

551
Airbnb 1

Con il nuovo bando Adsi, reso possibile da una donazione di Airbnb, i proprietari di dimore storiche possono accedere a finanziamenti per interventi di recupero di immobili da convertire all’ospitalità

L’annuncio è stato dato, in occasione delle Giornate europee del Patrimonio, da Adsi e Airbnb nel corso del convegno Abitare nella storia, guardare al Futuro, tenutosi a Palazzo Taverna a Roma.

Dimore storiche e identikit del turista tipo

In Europa, dal 2019 a oggi, le prenotazioni di dimore storiche sono più che raddoppiate, mentre il numero di host in questa categoria è aumentato di oltre il 50%. Essi rappresentano in Italia una delle principali risorse per la ripresa del turismo internazionale e la dispersione del turismo, con oltre il 90% delle dimore storiche attualmente presenti su Airbnb situate in zone rurali o poco densamente popolate.

Il tipico ospite che decide di soggiornare presso una dimora storica è:

  • Straniero.
  • Viaggia in coppia.
  • Predilige soggiorni più lunghi (oltre 7 giorni).
  • Esprime un’altissima soddisfazione (94% di recensioni a 5 stelle).

«Le dimore storiche, oltre a rappresentare un importante asset per il turismo, ricoprono un ruolo fondamentale nella diversificazione dei flussi, incentivando i viaggiatori a percorrere sentieri meno battuti per godere delle bellezze del patrimonio italiano» ha dichiarato Giacomo Trovato, country manager di Airbnb Italia.

 

Airbnb 2

Il rilancio del borghi dimenticati

«La possibilità di estendere questa esperienza al soggiorno potrebbe permettere di compiere un salto di qualità a diverse destinazioni rurali o borghi, rilanciando l’economia locale a beneficio dell’intera comunità. Il potenziale contributo del patrimonio privato diffuso al turismo è enorme ed è per questo che abbiamo enorme rispetto per l’importante lavoro svolto da Adsi negli anni».

Secondo i dati dell’Osservatorio sul Patrimonio Culturale Privato, promosso dalla Fondazione Bruno Visentini, vi sono in Italia oltre 37.700 immobili storici privati, di cui oltre la metà (54%) in Comuni con una popolazione inferiore a 20.000 abitanti e, nel 26% dei casi, addirittura sotto i 5.000 residenti.

Queste caratteristiche rendono le dimore storiche non solo un polo di attrazione turistica fondamentale per il nostro Paese, ma anche il perno di un’economia circolare che pone al proprio centro i borghi. Si tratta di un enorme potenziale che va dalle visite all’organizzazione di eventi, passando per l’accoglienza e la promozione/valorizzazione delle peculiarità enogastronomiche dei singoli territori, per terminare con l’accompagnamento alla transizione ecologica e digitale.

Adsi, che riunisce i proprietari di immobili storici di tutta Italia, da 45 anni è impegnata per la conservazione e la valorizzazione del patrimonio italiano. Da qui la decisione di Airbnb di sostenere Adsi tramite una donazione.

Tra le destinazioni italiane che nel 2021 hanno registrato la maggiore crescita di prenotazioni di dimore storiche sulla piattaforma ci sono: la Costa etrusca, Verbania, la campagna piemontese, la Versilia, il lago di Como.

 

Il bando

L’iniziativa introdotta da Adsi prevede l’assegnazione di contributi per opere di restauro di immobili vincolati di proprietà privata finalizzati allo sviluppo di attività ricettive, per l’esecuzione di interventi migliorativi dei servizi di ospitalità, anche intervenendo su parchi e giardini, in immobili vincolati o all’interno di vincoli paesaggistici di proprietà privata.

Così numerosi privati interessati a programmare interventi di varie dimensioni sul proprio immobile, pensando di intraprendere un percorso di ospitalità, riceveranno un contributo.

Adsi si avvarrà di una commissione giudicatrice appositamente nominata che attribuirà a ciascuna candidatura un punteggio valutando fra l’altro l’eventuale ubicazione in zone terremotate o borghi, la potenziale diversificazione di flussi verso località con meno di 3.000 abitanti e prive di strutture ricettive, il sostegno alla produzione agricola collegata all’immobile, e ancora tematiche quali innovazione, giovani, accessibilità e sviluppo sinergie.

 

Airbnb 4

Le dimore storiche e l’Heritage Academy

Per rendere le dimore storiche più facilmente prenotabili all’interno della piattaforma e aumentare la loro visibilità, Airbnb ha recentemente introdotto la categoria “dimore storiche” disponibile in Italia, Spagna, Francia, Germania e Regno Unito, che conta circa 30.000 alloggi. L’Italia, con oltre 9.000 annunci, si colloca al secondo posto per ampiezza dell’offerta che già oggi  conta diverse dimore storiche Adsi.

Grazie alla collaborazione con Adsi inoltre, è stata creata l’Heritage Academy,  un programma di formazione dedicato a tutti i soci o proprietari di dimore storiche che volessero intraprendere l’attività di hosting, sfruttando le opportunità offerte dalla piattaforma.

Visitando la pagina dedicata (qui) sarà possibile accedere a risorse utili e ricevere un supporto individuale per diventare host di Dimore Storiche su Airbnb e “ambasciatori” del patrimonio culturale italiano.

Print Friendly, PDF & Email
Articolo precedenteTr1x, la startup Usa con dna italiano
Prossimo articoloUn sorso di freschezza a casa tua grazie a Wapy