fbpx

Amazon inizia il 2023 con il più grande taglio del personale

L’inflazione non ha risparmiato nessuno e anche Amazon è dovuto correre ai ripari annunciando il taglio di circa 18mila dipendenti

 

Amazon.com Inc. dichiara ufficialmente il più grande taglio del personale della storia. Sembrava il miracolo economico del secolo e in parte lo è stato, rivoluzionando completamente il modo di fare shopping e creando migliaia e migliaia di nuovi posti di lavoro. Non c’è stato Paese che non abbia voluto aprire le proprie porte al colosso statunitense. Ma anche il miracolo di Amazon è finito, e come tutti i business risente delle variazioni dei mercati e dei colpi inflitti dai fattori esogeni. Circa l’1% della forza lavoro dell’azienda tecnologica verrà mandata a casa per via della profonda crisi che sta attualmente attraversando il settore.

Sono 18 mila i dipendenti a rischio. L’annuncio è arrivato il 4 gennaio, da una nota dell’amministratore delegato, Andy Jassy. Inizialmente i tagli, avviati lo scorso anno, avrebbero dovuto interessare circa 10mila dipendenti, concentrandosi principalmente nella divisione retail di Amazon e nelle funzioni delle risorse umane come il reclutamento. Ma a quanto pare saranno i dipendenti dei negozi, come Amazon Fresh e Amazon Go, e le sue organizzazioni Pxt, che gestiscono ad esempio le risorse umane, a subire il peso maggiore di questa decisione. L’invio delle prime lettere è previsto per il 18 gennaio.

“Amazon ha resistito a economie incerte e difficili in passato e continueremo a farlo”, ha scritto Jassy. “Questi cambiamenti ci aiuteranno a perseguire le nostre opportunità a lungo termine con una struttura dei costi più forte; tuttavia, sono anche ottimista sul fatto che saremo creativi, intraprendenti e frammentari”.

 

L’impegno di Amazon verso i dipendenti licenziati

Per il secondo anno di fila Amazon ha ottenuto la certificazione Top Employer Italia, un riconoscimento sulla qualità dell’ambiente di lavoro. Ed è per questo motivo che la società continuerà a supportare i dipendenti licenziati. “Lavoriamo per sostenere coloro che sono colpiti offrendo pacchetti che includono un pagamento, benefit sanitari e sostegno” si legge nella mail inviata ai dipendenti. In una nota, Jassy dichiata anche che si impegnerà ad aiutare i dipendenti licenziati a ricollocarsi all’interno dell’azienda, in settori che hanno più bisogno di personale e se questo non sarà possibile, l’azienda supporterà gli ex dipendenti nell’inserimento all’interno di altre aziende.

 

La reazione degli azionisti

Al contrario, gli azionisti di Amazon invece hanno reagito positivamente all’ultimo tentativo di limitare i costi dell’azienda e le azioni sono salite di quasi il 2% negli ultimi scambi dopo che il Wall Street Journal ha riportato per la prima volta il piano per il futuro di Amazon.

BISS, l’azienda biotech italiana innovativa

ChemoMaker il robot che sostituisce i sistemi di vecchia generazione negli ospedali italiani come quello di Genova San martino, Trieste e Cremona   Da Trieste

La nuova direttiva sulla “Case green”

L’ obiettivo dell’unione europea entro il 2030 è di portare tutte le abitazioni presenti in Europa a una classe energetica E   Secondo la bozza

Il mondo delle criptovalute sta cambiando

Quello delle cripto è un settore in costante mutazione, caratterizzato da poca solidità ed estrema volatilità   Il 2023 è iniziato e si vedono già

SalentIA: la startup al servizio del territorio

Una startup innovativa nata dall’entusiasmo di 110 studenti di una scuola superiore di Lecce per promuovere la loro terra. Intelligenza artificiale e metaverso per incrementare

Calo del 35% di investimenti nelle startup

Come era già stato previsto all’inizio del 2022 gli investimenti in startup hanno registrato una forte frenata a livello globale   Secondo i dati appena

Volare a emissione zero ora è possibile

È stato effettuato il primo volo a zero emissioni. Si tratta di ZeroAvia, leader dell’aviazione a emissioni zero, che ha preso il volo con il

Hype ha un nuovo CEO

L’ex PagoPa Giuseppe Virgone guiderà la società verso un nuovo percorso di crescita   Giuseppe Virgone lascia PagoPA e diventa il nuovo CEO di Hype.

Youtube: un lavoro a tempo pieno

Come diventare ricco facendo lo YouTuber. Tutto dipende dallo stipendio medio del Paese dove vivi   Quanti giovani pensano di poter diventare ricchi facendo video

logo-footer
Il mensile di business più letto.

Direttore responsabile: Lionello Cadorin

Editore: Millionaire.it Srl Indirizzo: Largo della Crocetta, 2 20122 Milano (MI) Italy

Partita IVA: 12498200968 – Numero iscrizione ROC: 38684

© 2023 millionaire.it.