Arianna Huffington: «Ho creato il blog più potente del pianeta, ora lancio la mia startup»

0
4774
@World Economic Forum

Avete presente l’Huffington Post? È stato creato nel 2005, da una donna straordinaria. Arianna Huffington ha realizzato tanto nella sua vita: il blog più seguito nel pianeta, due figlie, un’agenda con migliaia di contatti. Ma oggi, a 66 anni, lancia una nuova startup. Si chiama Thrive Global ed è dedicata a salute e benessere. Per questo motivo lascia la direzione dell’Huffington Post.

«Ho sempre sognato di trasformare in meglio il modo in cui viviamo e lavoriamo. L’esaurimento non può essere il prezzo per il successo. È quello che mi prefiggo con la mia nuova impresa». La startup, che ha appena ricevuto un importante finanziamento, da una parte offrirà alle aziende corsi e seminari sul Wellness, dall’altra venderà ai consumatori prodotti sul benessere online.

La ateniese Arianna: giornalismo e politica sono le passioni

Arianna Stassinopoulos, di Atene, è la figlia del proprietario di un quotidiano greco di scarso successo. Dopo un’infanzia non particolarmente felice, si trasferisce a studiare all’università di Cambridge. Il giornalismo e la politica sono le sue passioni da quando aveva 12 anni.

Da Londra a New York, dove sposa Michael Huffington

Arianna si laurea in Economia, scrive il suo primo libro e si innamora del critico letterario Bernard Levin, per il quale si trasferisce a Londra. Ma dopo sette anni la sua unione con Levin finisce. Lei, trentenne, non si scoraggia, anzi è già pronta per la sua prossima meta: New York. Saranno gli stessi amici di Londra a “raccomandarla” nella Grande Mela, creandole un “atterraggio morbido”. Il suo nome risuonerà di salotto in salotto e presto diventerà una presenza fissa nella vita sociale di Manhattan. Sei anni dopo il suo arrivo a New York sposerà Michael Huffington, erede di una famiglia texana di petrolieri e impegnato nella carriera politica con i repubblicani.

Dopo il fallimento come politico, fonda il suo primo blog

Dopo il matrimonio, Arianna Huffington si trasferisce a Washington. Aiuta il marito, nella campagna elettorale che lo porterà al Congresso nel 1992. Il matrimonio, che vede la nascita di due figlie, finirà tre anni dopo. Arianna deciderà di mantenerne il cognome.. Nel 2003 si candida come governatore della California, ma è una debacle, ottiene meno dell’1% dei voti. «Dopo un fallimento si devono cercare nuove opportunità» ha dichiarato al Corriere della Sera. «L’ho imparato proprio dopo quell’esperienza. Così Arianna apre un blog, che si chiamerà Arianna Online. Fino a che una mattina del 2004 un giovane laureato del Mit bussa alla sua porta. Il giovane si chiama Jonas Peretti ed è uno studioso delle reti di relazioni. È stato mandato da Arianna dall’imprenditore Kenneth Lerer, ex-vicepresidente di Aol, con un progetto: costruire un sito Internet che abbia una grande influenza sulla gente. I due sono alla ricerca di qualcuno in grado di creare dei legami durevoli con gli utenti. E questa persona è Arianna.

Screenshot 2016-09-02 12.02.32

L’idea di un blog in cui a scrivere sono personaggi famosi

Arianna Huffington avrà l’idea di realizzare un blog in cui a scrivere siano dei personaggi famosi. «Molte delle discussioni più importanti su politica e società si stavano spostando sulla Rete, ma tante personalità con idee forti, erano tagliate fuori dal mondo di Internet» ha spiegato la Huffington. «La nostra piattaforma avrebbe permesso anche a queste voci di partecipare al dialogo online». Nel maggio del 2005 i tre fondano l’Huffington Post: Lerer ci mette i soldi (un milione di dollari), Peretti la tecnologia, Arianna gli amici: i primi “blogger” che sono invitati a scrivere sono lo storico Arthur Schlesinger, l’autore televisivo Larry David, l’attore John Cusack. L’Huffington Post è un grande aggregatore di notizie riprese da altre testate. Ma soprattutto, grazie alle nuove tecnologie, la capacità di creare un altissimo traffico di persone che si connettono al sito».

La sua avventura ricomincia da qui…

Il resto è storia. Nel 2006 Arianna Huffington è nominata dal Time tra le 100 persone più influenti d’America (lo sarà di nuovo nel 2011). Due anni dopo, durante la campagna per le elezioni presidenziali che vedranno la vittoria di Barack Obama, il suo blog diventerà un punto di riferimento nel mondo dell’informazione. Nel 2011, è acquistato da Aol per 315 milioni di dollari. Oggi il blog è parte del The Huffington Post Media Group, che include i siti Internet di Aol, tra cui TechCrunch.

Info: www.huffingtonpost.com

La storia completa di Arianna Huffington è stata pubblicata su Millionaire settembre 2012

Print Friendly, PDF & Email

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here