Bonus bici: ecco come ottenere fino a 500 euro. Click day dal 3 novembre

4387
bici bologna

A partire dalle 9 di martedì 3 novembre sarà possibile richiedere il bonus bici sulla piattaforma online del Ministero dell’Ambiente. Il bonus varrà per gli acquisti effettuati tra il 4 maggio e il 31 dicembre, con rimborsi del 60%, fino a un massimo di 500 euro. Le richieste saranno soddisfatte in base all’ordine di arrivo (e non alla data delle fatture).

bonus bici

Con il coronavirus è cambiata anche la mobilità. In città si fanno strada sempre più biciclette, monopattini elettrici, e-bike, tre ruote con pedali. Il governo incentiva l’acquisto di mezzi green, stanziando 210 milioni di euro. E crescono anche le opportunità per chi fa impresa o vuole intraprendere nel settore. «Appena iniziata la fase 2, in una settimana ho venduto tutte le bici in pronta consegna» ha raccontato a Millionaire Antonella Pesenti, titolare di Frida Bike, negozio di cargo bike a Milano. «Non mi era mai successo. In tanti vogliono bici italiane, perché utilizzando il bonus è come se volessero restituire qualcosa all’Italia». Ecco allora le informazioni utili per ottenere l’incentivo.

Bonus mobilità

Che cos’è. Un incentivo pari al 60% del valore di acquisto di biciclette (tradizionali, pieghevoli, e-bike) e mezzi della micromobilità elettrica (monopattini elettrici, overboard, monowheel), per un massimo di 500 euro. È previsto dal Decreto Rilancio del 13 maggio 2020. Vale anche per acquisti online e veicoli usati.

Tempi. Può beneficiare del bonus bici chi ha fatto un acquisto a partire dal 4 maggio e fino al 31 dicembre 2020. A partire dal 1° gennaio 2021 invece sarà necessario rottamare un autoveicolo o un motociclo inquinante per ottenere il bonus.

Come si ottiene. Accedendo all’applicazione web del Ministero dell’Ambiente (www.buonomobilita.it) con la propria identità Spid (www.spid.gov.it/richiedi-spid), a partire dal 3 novembre. Si dovrà caricare la fattura e inserire le proprie coordinate bancarie, nel caso in cui l’acquisto sia già stato effettuato, oppure generare un buono spesa digitale da spendere entro 30 giorni in un negozio aderente. In quel caso gli interessati dovranno indicare sull’applicazione il mezzo o il servizio che vogliono acquistare. Il cittadino quindi pagherà solo il 40% e sarà il negoziante a ricevere il rimborso del 60%.

A chi spetta. Ai cittadini maggiorenni residenti nei capoluoghi di Regione, nei capoluoghi di Provincia, nei Comuni con più di 50mila abitanti e nei comuni delle Città metropolitane.

 

Print Friendly, PDF & Email

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.