Azienda triplica il fatturato. E l’imprenditore regala due mensilità ai dipendenti

6785
Giuseppe Moro convert
© Facebook Convert Italia ©Emanuela De Luca

Già nel 2012 il fondatore della Convert Italia aveva pagato l’Imu sulla prima casa ai lavoratori.

«I miei impiegati sono la nostra vera ricchezza. Se chiediamo il loro impegno per raggiungere determinati obiettivi e li raggiungiamo, trovo naturale che vadano ricambiati». Così Giuseppe Moro, fondatore e amministratore delegato della Convert Italia, ha spiegato in una nota la decisione di premiare i dipendenti per i risultati raggiunti nel 2016 con due mensilità in più nello stipendio.

Non è il primo atto di generosità dell’imprenditore. Già nel 2012 Moro aveva pagato l’Imu sulla prima casa ai suoi lavoratori.

Da 35 anni l’azienda romana opera nel settore delle energie rinnovabili. Oggi è specializzata nel fotovoltaico. Nel 2016 i ricavi sono aumentati del 300%. L’azienda ha brevettato il tracker Trj, una struttura che permette ai pannelli di allinearsi alla posizione del sole nel corso della giornata. «Quest’anno abbiamo fatto uno sforzo enorme per produrre e consegnare 500 Mw di prodotto che significa aver fornito una copertura per impianti di circa 1000 ettari. Abbiamo prodotto e consegnato circa trentamila tonnellate di acciaio, cinquemila quadri elettronici di controllo e cinquantamila azionatori/motori», ha spiegato il presidente.

Giuseppe Moro oggi ha 69 anni. Ha iniziato a lavorare alla Siemens subito dopo il diploma. Si è occupato della progettazione di linee dell’alta tensione in Australia. Tornato in Italia ha fondato la Convert nel 1981. Nel 1993 si è laureato in Business Administration alla Kensington University in California.

Print Friendly, PDF & Email

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.