«Come vendo il gelato agli islandesi»

11901
gelato gaeta islanda

Il gelato a Reykjavik c’era, ma non era nulla di paragonabile a quello italiano. Così Michele Gaeta, arrivato in Islanda due anni e mezzo fa da Bologna, dove aveva un’attività avviata (sviluppava e vendeva in tutta Europa componenti per bici da competizione), ha deciso di pensarci lui. A maggio 2020 ha aperto la gelateria Gaeta, trasformando il suo cognome in un brand. Gusti più richiesti: cassata, cannolo siciliano, torrone, caramello salato e Oreo. Il gelato costa da 3,50 a 8 euro.

Perché lasciare Bologna per Reykjavik?

«Avevo voglia di cambiare aria. E di farlo in un posto estremo. Avevo visitato l’Islanda qualche anno prima e ne ero rimasto affascinato. Ancor prima di partire dall’Italia ho trovato un lavoro, in un centro termale, ma dopo un anno il desiderio imprenditoriale si è rifatto vivo. E in Islanda mancava il buon gelato italiano».

Hai dovuto imparare un nuovo mestiere?

«Non sapevo nulla di gelato, ma il migliore che conoscessi lo preparava una gelateria a Monte San Pietro, vicino Bologna. Si chiama La Carapina ed è un’azienda famigliare che produce per sé e per i ristoranti della zona. Mi sono rivolto a loro e ho proposto una jointventure. L’investimento è stato di alcune centinaia di migliaia di euro».

Come funziona?

«Mi hanno fatto conoscere i loro fornitori e insegnato i segreti della preparazione, io ricambio con parte degli introiti. Macchine Carpigiani, materie prime che vengono dall’Italia, ma il latte e la panna vengono dalle vacche islandesi che sono molto sane… il gelato che ne scaturisce è buonissimo».

Com’è andata?

«Nonostante abbia aperto in piena pandemia, la voce si è sparsa rapidamente, la comunità qui è piccola, con gelateria piena e fi la fuori. Poi sono arrivati i primi turisti. Ho reinvestito i profitti e a settembre 2020 ho aperto un altro punto vendita nella capitale. Nei prossimi mesi conto di aprirne altri in altre città del Paese». Info: https://gelato.is

Tratto dall’articolo “In Islanda non fa freddo” pubblicato su Millionaire di settembre 2021. Per acquistare l’arretrato, scrivi a abbonamenti@ieoinf.it

islanda business
L’apertura dell’articolo pubblicato su Millionaire di settembre 2021
Print Friendly, PDF & Email
Articolo precedenteAl via i Digital Innovation Days: «Ripartiamo dal capitale umano per costruire il nostro futuro»
Prossimo articoloPresentato a Roma il taxi volante per evitare il traffico in città

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.