“Così ho creato la startup per fare acquisti online a rate e senza interessi”

9714
scalapay ecommerce a rate

Non stupitevi se sotto al prezzo di un prodotto del vostro e-commerce preferito vedrete l’opzione di acquisto in 3 rate, senza interessi. L’ha resa possibile Simone Mancini, 32 anni, fondatore di Scalapay, la fintech nata a luglio 2019 e che in pochi mesi ha convinto oltre 1.000 merchant (non solo online ma anche offline) tra Francia, Italia, Germania a integrarla nei loro sistemi. Un modello win-win: oltre a far bene al portafogli dell’acquirente, aiuta gli e-commerce ad aumentare le loro entrate e il tasso di conversione.

«Il cliente paga a rate, mentre il merchant nella maggior parte dei casi riceve tutto l’importo sul suo conto. I nostri ricavi li generiamo dalla commissione che i merchant pagano per l’utilizzo del servizio».

Simone, che è nato in Italia, ma si è trasferito da bambino in Australia, dove ha potuto esplorare una realtà diversa (ora vive in Italia), si avvale di un team internazionale. «Johnny Mitrevski, cofounder e Cto, è australiano, e prima di Scalapay aveva gestito un team tech a livello globale per la più grande banca australiana. Raffaele, il nostro Cfo, lavorava a Goldman Sachs, aveva esperienza nella raccolta capitali. E Matthias, il nostro general manager tedesco, era un responsabile vendite e marketing per PayOne, con un’ottima conoscenza nel settore dei pagamenti» spiega Simone.

Dal punto di vista tecnologico, il team ha speso molto tempo a costruire le integrazioni con tutte le principali piattaforme di e-commerce e sistemi Pos. L’obiettivo era che il merchant per mettere in funzione Scalapay dovesse solo aggiungere il nostro plugin al proprio e-commerce o al sistema Pos in negozio» continua Simone.

Dal punto di vista commerciale, si sono rivolti prima agli e-commerce del settore bambini, poi a moda, cosmetici e articoli per la casa. Per Simone ScalaPay non è un semplice modalità di pagamento.

«Vogliamo fare in modo che i merchant offrano un’esperienza magica ai loro clienti. Sembra strano, ma siamo partiti da questo, dal fatto che l’esperienza di acquisto online, a differenza di quella in un negozio, non dà nessun tipo di emozione: il nostro scopo è che assomigli sempre di più a quella dal vivo. E Il pagamento dilazionato è solo il nostro primo prodotto» conclude Simone.

INFO: www.scalapay.com

Tratto dall’articolo “Le star del fintech: i pagamenti digitali” pubblicato su Millionaire di novembre 2020. 

Print Friendly, PDF & Email
Articolo precedenteUn’azienda innovativa al Sud, partita senza soldi né aiuti. «Si può fare»
Prossimo articoloMicrosoft lancia un hub per l’intelligenza artificiale in Italia

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.